Galileo Giornale di scienza e problemi globali

30 Luglio 2014 | ultimo aggiornamento circa 5 ore fa

Dossier: Alternativa sostenibile?

Temi ambiente, società

Sopravvivere senza petrolio

0
di Luca Passacielo | Pubblicato il 03 Ottobre 2006 17:14

Jeremy Leggett
Fine corsa. Sopravviverà la specie umana alla fine del petrolio?
Einaudi, 2006
pp.387, euro 15,80

 

Ordina su Ibs 

 

La fine del petrolio è un certezza: prima o poi si esaurirà. Altrettanto certo è il fatto che diventerà poco conveniente estrarlo, dovendo impiegare più energia di quanta se ne ricaverebbe. La grande controversia è quindi tra pessimisti e ottimisti: i primi sostengono che entro pochi decenni (non più di due) il petrolio diventerà una risorsa scarsa ed estremamente costosa. I secondi affermano che in realtà le riserve sono tali da poterci portare fino alla fine del secolo almeno, sostenendo anche la crescita e lo sviluppo economico dei grandi paesi asiatici, come Cina e India. Avremmo dunque tutto il tempo per prepararci alla fine dell'oro nero, e nel frattempo usare l'auto per risparmiare un quarto d'ora di camminata o 5 minuti di bicicletta. "Niente panico" è il messaggio delle grandi compagnie petrolifere (private e non) e di molti governi che piuttosto che pensare alle fine del petrolio spendono miliardi per difendere militarmente la dipendenza dai combustibili fossili.

Tuttavia, "niente panico" è anche il messaggio che convoglia questo bel libro di Jeremy Leggett: niente panico ma a condizione di muoversi subito, da oggi, per modificare la nostra società e abbandonare il petrolio. Geologo di formazione, Leggett è stato per molti anni alle dipendenze di aziende petrolifere. Dopo essersi reso conto che le riserve dichiarate dalle diverse compagnie erano leggermente sovrastimate, nonché dei numerosi mezzi per rendere la nostra società dipendente dai combustibili fossili (per esempio, l'acquisto e lo smantellamento delle reti ferroviarie suburbane a Los Angeles), Leggett è divenuto un attivista di Greenpeace, di cui è direttore scientifico, oltre ad investire nell'industria dell'energia solare. Con dovizia di particolari, Leggett spiega perché secondo lui i pessimisti hanno ragione, in quella che è sicuramente la parte più convincente del testo. Inoltre, mette bene in luce che anche se avessero ragione gli ottimisti, non ci possiamo permettere un altro secolo di fonti fossili: gli sconvolgimenti ambientali che realisticamente ne seguirebbero sarebbero tali da rendere la riconversione immediata alle fonti energetiche rinnovabili non solo necessaria ma anche conveniente (come stanno sottolineando le maggiori compagnie di assicurazioni).

Meno brillante, perché comunque va ad affrontare un campo molto grande e ancora in via di sviluppo, è la parte dedicata alle alternative al petrolio e agli altri combustibili fossili. Dato il dichiarato conflitto di interessi, molte pagine sono dedicate all'uso dell'energia solare, in grado di soddisfare gran parte della richiesta. Con una rete diffusa di microgenerazione che combini solare, eolico e idrico (consumando l'energia là dove viene prodotta) sarebbe possibile superare il modello energetico centralizzato. Rimarrebbe il problema dei trasporti e delle grandi necessità produttive. In questo caso la risposta potrebbe venire da megaimpianti solari (facenti le funzioni delle odierne centrali) e dall'uso dell'idrogeno come vettore energetico pulito.

Leggett propone dunque un grande ventaglio di soluzioni, con fonti sicure e a basso impatto ambientale (escludendo quindi il nucleare), mentre non batte molto il tasto della decrescita, intesa come minore consumo di energia, se non per rendere più morbido l'impatto post-petrolio. Sottolinea invece con forza la necessità di interventi politici urgenti, che spingano rapidamente verso la transizione. Il tempo non sembra essere molto.

Commenti lascia un commento

Nessun commento, per ora.

Lascia un commento

Indice del dossier

Oggi su Galileo

Sondaggio

Ogni anno miliardi di inquinantissime cicche di sigaretta vengono abbandonate nell’ambiente, con enormi costi per la collettività. Per questo, due ricercatori della San Diego State University, abbandonata la speranza di educare i fumatori, propongono soluzioni drastiche, come quella di vietare le sigarette con filtro, che non sono meno dannose di quelle senza. Tra le proposte qui sotto elencate quale vi sembra la più efficace?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners