Galileo Giornale di scienza e problemi globali

24 Novembre 2014 | ultimo aggiornamento circa 9 ore fa
Temi società

Maiani, sospeso 'a divinis'

0
di Roberta Pizzolante | Pubblicato il 24 Gennaio 2008 12:45

Chissà se Luciano Maiani, fisico di fama mondiale, avrebbe mai immaginato di trovarsi un giorno alle prese con un sospetto di eresia: dichiarare pubblicamente di ritenere non opportuno che Benedetto XVI  parlasse durante la cerimonia di apertura dell'anno accademico della Sapienza. Un bel guaio, al cui confronto i limiti della teoria di Einstein e i dubbi sulla presenza di un quarto quark, che pure Maiani è riuscito a risolvere, sembrano un giochetto da ragazzi. Scelto dal ministro dell’Università e della Ricerca Fabio Mussi in una rosa di tre scienziati per diventare il prossimo presidente del Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr), il nome del fisico di San Marino ha inizialmente convinto sia destra che sinistra. Per non parlare degli apprezzamenti della comunità scientifica per un sistema di selezione, quello usato da Mussi, basato su criteri puramente scientifici e non politici. Ambiziosi i suoi obiettivi una volta in carica: valorizzare la ricerca Cnr e la sua rete di istituti, potenziare le discipline portanti per la scienza moderna, come biologia, scienze della vita, informatica e fisica. Ma ora tutte queste rischiano di rimanere solo buone intenzioni. Intorno alla candidatura di Maiani, infatti, aleggia come una pericolosa caccia alle streghe il polverone sollevato dal “caso Sapienza”. Maiani infatti è uno dei 67 firmatari della lettera con cui alcuni scienziati dell’Università romana hanno espresso il loro dissenso sulla presenza di Benedetto XVI all’inaugurazione dell’anno accademico. Questo è bastato a far sbiadire, d’un colpo solo, la figura dello scienziato di fronte a sospetti di “integralismo laico” e “incompatibilità con un atteggiamento equilibrato”, come si legge nel verbale della seduta della Commissione cultura in Senato del 16 gennaio.

Maiani era uno dei tre candidati che il ministro Mussi aveva portato il 21 dicembre scorso all’attenzione di Palazzo Chigi per la scelta finale del presidente del Cnr. “La selezione è avvenuta in un modo del tutto innovativo. Invece di fare una nomina puramente politica, il ministro ha incaricato un comitato di alto profilo, composto da scienziati italiani e stranieri super partes, di individuare i possibili candidati”, spiega Carlo Bernardini, fisico alla Sapienza e tra i firmatari della lettera anti-papa. Senza essere obbligato dalla legge, in sostanza, Mussi ha usato i comitati di ricerca che hanno presentato una terna di nomi, sottraendo di fatto alla politica il potere unilaterale di scelta. Una nomina, quella di Maiani, che oltre a trovare il parere favorevole di esponenti della maggioranza e dell’opposizione, è stata lodata anche dalla rivista “Science”. Prima che l’investitura diventi effettiva, però, la legge prevede che sul nome prescelto si esprimano con un parere consultivo, e non vincolante, le Commissioni Cultura dei due rami del Parlamento.
Ma ad oggi i pareri delle Commissioni non sono ancora arrivati. E sul motivo non sono stati fatti molti misteri. La parlamentare di Alleanza Nazionale Angela Filipponio Tatarella, ha presentato il 17 gennaio scorso in Commissione cultura alla Camera un’interrogazione a risposta immediata con la quale “premesso che dei 67 firmatari del ‘documento-manifesto’, che hanno contestato l’invito del Papa all’università La Sapienza di Roma, fa parte anche il professor Luciano Maiani”, si chiedeva “se il Governo non intenda revocare la proposta di nomina del professor Luciano Maiani alla Presidenza del Consiglio nazionale delle ricerche, in quanto, ad avviso degli interroganti, non garante della oggettività che ogni ricerca scientifica esige per essere se stessa”.
Stesse parole anche in Commissione Cultura al Senato, riunita il 16 gennaio. Qui ad aprire il processo, con tanto di accusa e difesa, è stato il senatore Franco Asciutti (Fi), che nel ricordare che “il candidato risulta firmatario della lettera nella quale un esiguo gruppo di docenti ha espresso un orientamento contrario alla presenza del Pontefice in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico”, come si legge nel verbale della seduta, “ritiene che tale posizione sia incompatibile con un atteggiamento equilibrato e laico, tanto più che al vertice del Cnr occorre una personalità rappresentativa di tutte le opinioni”.

Alla fine si è deciso per un rinvio della nomina a data da destinarsi in attesa che il ministro Mussi confermi la scelta del fisico. “Ho pensato fosse importante questa pausa per rasserenare gli animi e consentire al professor Maiani di chiarire la sua posizione”, ha dichiarato Giuseppe Valditara, Senatore di An e segretario della commissione sulle pagine del Corriere della Sera. “La ratifica è stata rinviata a data da destinarsi. Non ha senso una nomina con il parlamento spaccato a metà: non possiamo dimenticare, infatti, che la proposta della presidenza di Maiani era stata bipartisan”.

Le ragioni dei dubbi su Maiani a presidente del Cnr, quindi, nulla c’entrano con la carriera scientifica. Vien da chiedersi ora, cosa succederà con il governo in bilico e l’iter della nomina a metà strada? “C’è un lasso di tempo entro il quale le Commissioni sono tenute a esprimere il proprio parere”, spiega Rino Falcone, ricercatore del Cnr e coordinatore dell’Osservatorio sulla ricerca. “Questo parere viene poi accolto dal governo e deliberato nel primo Consiglio dei Ministri utile. In teoria, nel caso di un forte ritardo il governo potrebbe procedere alla nomina indipendentemente dai pareri”. Discorso che però non vale data l’attuale crisi di governo, che blocca forzatamente i lavori delle Commissioni. “Un nuovo governo potrebbe decidere se confermare Luciano Maiani oppure ripartire da zero”, conclude Falcone. “Certo, sarebbe inverosimile che uno scienziato di valore indiscutibile, scelto su criteri di merito e non politici, possa essere paradossalmente messo in discussione per le proprie idee”.

Commenti lascia un commento

Nessun commento, per ora.

Lascia un commento

Autore

Roberta Pizzolante

Little-per galileo

Giornalista pubblicista dal 2005, è laureata in Sociologia e ha un master in "Le scienze della vita nel giornalismo e nei rapporti politico-istituzionali" conseguito alla Sapienza. Fa parte della redazione di Galileo dal 2001, dove si occupa di ambiente, energia, diritti umani e questioni di rilevanza etica e sociale. Per Sapere, bimestrale di scienza, si occupa dell'editing e della ricerca iconografica. Nel corso negli anni ha svolto vari corsi di formazione e stage nell'ambito della comunicazione (Internazionale, Associated Press, ufficio stampa della Sapienza di Roma, Wwf Italia). Ha scritto per diverse testate tra cui L'espresso, Le Scienze, Mente&Cervello, Repubblica.it, La Macchina del Tempo, Ricerca e Futuro (Cnr), Campus Web, Liberazione, Il Mattino di Padova. Dal 2007 al 2009 ha curato l'agenda degli appuntamenti per il settimanale Vita non Profit.


Vai alla pagina dell'autore

Oggi su Galileo

Sondaggio

Ogni anno miliardi di inquinantissime cicche di sigaretta vengono abbandonate nell’ambiente, con enormi costi per la collettività. Per questo, due ricercatori della San Diego State University, abbandonata la speranza di educare i fumatori, propongono soluzioni drastiche, come quella di vietare le sigarette con filtro, che non sono meno dannose di quelle senza. Tra le proposte qui sotto elencate quale vi sembra la più efficace?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners