Galileo Giornale di scienza e problemi globali

01 Agosto 2014 | ultimo aggiornamento 36 minuti fa
Temi tecnologia

Virus al telefono

0
Pubblicato il 03 Aprile 2009 17:00

I nostri telefoni somigliano sempre più a mini pc. Bene, ma avere a portata di taschino tutta una serie di applicazioni software ha un costo: quello di esporre i cellulari agli attacchi dei virus informatici. E con la timida comparsa di questa minaccia, sono arrivati anche i primi studi epidemiologici. Ne è un esempio la ricerca pubblicata su Science da Pu Wang, Albert-László Barabási ed altri ricercatori del Center for Complex Network Research della Northeastern University di Boston (Usa).

Grazie alla cooperazione di un gestore telefonico, gli studiosi hanno per prima cosa creato un modello matematico in grado di descrivere la rete di chiamate e la posizione relativa dei telefoni cellulari di oltre sei milioni di utenti. Quindi hanno ricavato indicazioni sulle modalità di diffusione di due grandi categorie di virus per telefoni mobili: quelli che si diffondono via Bluetooth e quelli che sfruttano gli Mms. Le differenze sono risultate sostanziali: nel caso del Bluetooth, potendo il virus trasmettersi solo entro un raggio di 10-30 metri, la diffusione dell'infezione risulta localizzata nello spazio, proprio come avviene, per fare un parallelo con nostra malattia virale, nel caso della Sars o di Ebola. Al contrario, i virus che si diffondo via Mms hanno bisogno solo di un paio di minuti per duplicarsi e raggiungere tutti i contatti presenti nella rubrica. Se dunque nel caso del contagio via Bluetooth esiste il tempo tecnico per sviluppare adeguati software antivirus, molto più difficile è rispondere a una epidemia via Mms.

Secondo i ricercatori, se ancora non è stata osservata un'ampia diffusione di questi virus è soprattutto per via della frammentazione del mercato. In altri termini, gli Smartphone in grado di gestire sistemi operativi complessi non sono ancora abbastanza popolari: quando il numero di queste apparecchiature supererà una soglia critica, ipotizzano i ricercatori, si verificheranno le prime importanti epidemie di virus per telefoni mobili.

I risultati, più che suggerire attenzione al presente, impongono dunque una certa cautela sul futuro. Se infatti la mancanza di standard per i software ha per ora limitato il numero dei contagi dei programmi malicious, l'inevitabile prossima diffusione di dispositivi in grado di condividere un grande numero di applicazioni sembra destinata a cambiare questo scenario. (l.c.)

Riferimento: 10.1126/science.1167053

Commenti lascia un commento

Nessun commento, per ora.

Lascia un commento

Oggi su Galileo

Sondaggio

Ogni anno miliardi di inquinantissime cicche di sigaretta vengono abbandonate nell’ambiente, con enormi costi per la collettività. Per questo, due ricercatori della San Diego State University, abbandonata la speranza di educare i fumatori, propongono soluzioni drastiche, come quella di vietare le sigarette con filtro, che non sono meno dannose di quelle senza. Tra le proposte qui sotto elencate quale vi sembra la più efficace?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners