Galileo Giornale di scienza e problemi globali

26 Ottobre 2014 | ultimo aggiornamento circa 21 ore fa
Temi ambiente

I fertilizzanti saranno “green”

0
di Katia Clemente | Pubblicato il 08 Settembre 2010 14:41
Detail-mcontent

Il futuro della chimica appare sempre più green. A renderla eco-compatibile ci stanno provando anche Christopher Cummins e Daniel Tofan del Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston (Usa), che hanno sintetizzato il fosforo (elemento base di detergenti, fertilizzanti e pesticidi) grazie ai raggi ultravioletti e senza ricorrere al classico processo con il cloro, nocivo per la salute degli operatori e per l’ambiente. La nuova metodica eco-friendly è riportata sulle pagine di Angewandte Chemie.  

Il fosforo è un elemento presente in natura nelle rocce e nei depositi fossili animali, sotto forma di fosfato. Per poter essere utilizzato nella sintesi industriale, il fosfato viene prima purificato in fosforo bianco (P4, la forma più stabile) e poi sottoposto a una procedura con il cloro. Il risultato finale di questo processo, potenzialmente pericoloso e dispendioso, è una molecola costituita da un atomo di fosforo legato a tre di cloro. Questo è il punto di partenza per la sintesi di molte altre molecole, create sostituendo gli atomi di cloro con composti organici (ovvero contenti carbonio). 

Prendendo come riferimento uno studio del 1937, i ricercatori del Mit hanno ora trovato il modo di escludere il cloro. Nell’esperimento, il fosforo bianco è stato posto vicino a molecole organiche e il tutto è stato irradiato con raggi Uv. Dopo 12 ore, gli studiosi hanno osservato un composto costituito da due atomi di fosforo legati a due molecole organiche. “Per il momento, questi risultati possono solo suggerire  che dalla molecola P4 si sia formata una molecola P2 - ha spiegato Cummins - e che questa si sia immediatamente legata ai composti organici”. Nel futuro gli autori sperano di poter osservare in diretta la formazione della molecola P2. Sembra comunque aperta una nuova strada nella sintesi dei prodotti organici.

Riferimento: DOI:10.1002/anie.201004385

Commenti lascia un commento

Nessun commento, per ora.

Lascia un commento

Autore

Katia Clemente

Little-foto katia

Laureata in Scienze Biologiche e dottore di ricerca in Biotecnologie, ha conseguito il master in “Le scienze della vita nel giornalismo e nei rapporti politico-istituzionali” all’Università Sapienza di Roma. Lavora nel reparto dei Trapianti d’Organo dell’Ospedale de L’Aquila, dove si occupa di progetti di ricerca clinica sul trapianto di rene, e scrive per il sito web della Fondazione Zoé.


Vai alla pagina dell'autore

Oggi su Galileo

Sondaggio

Ogni anno miliardi di inquinantissime cicche di sigaretta vengono abbandonate nell’ambiente, con enormi costi per la collettività. Per questo, due ricercatori della San Diego State University, abbandonata la speranza di educare i fumatori, propongono soluzioni drastiche, come quella di vietare le sigarette con filtro, che non sono meno dannose di quelle senza. Tra le proposte qui sotto elencate quale vi sembra la più efficace?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners