Galileo Giornale di scienza e problemi globali

21 Agosto 2014 | ultimo aggiornamento circa 9 ore fa
Temi spazio

Una pioggia di stelle cadenti

0
di Tiziana Moriconi | Pubblicato il 29 Luglio 2011 09:17
Detail-perseidi

Non c’è bisogno di aspettare la notte di San Lorenzo per assistere all’annuale spettacolo estivo delle stelle cadenti (lo sciame meteorico delle Perseidi). Anche perché quest’anno, causa luna piena il 13 agosto, c’è il rischio di non vedere granché. Piuttosto la notte migliore dell’estate per puntare gli occhi al cielo sembra essere proprio questa del 29 luglio, grazie anche ad altre visitatrici celesti.

Siamo infatti nel periodo centrale del passaggio dello sciame di meteore chiamate Delta Acquaridi. Sebbene sia più modesto di quello delle Perseidi, si potrebbero vedere anche 15-20 meteore in un’ora (o 30, se si è in condizioni perfette di luminosità e si ha un buon occhio, o molta fortuna).

Sia le Delta Acquaridi sia le Perseidi sono create dallo scontro con l’atmosfera terrestre di frammenti di comete, grandi come granelli di sabbia. Ciascuna briciola celeste viaggia alla velocità di circa 150mila chilometri orari, motivo per cui si disintegra e lascia dietro sé una meravigliosa scia di luce.

Non esiste un vero e proprio clou per il passaggio delle Delta Acquaridi, ma il momento è propizio sia per la quasi totale assenza della Luna (in fase calante, sarà nuova il 30 luglio) sia perché allo spettacolo contribuiranno le stesse Perseidi: la pioggia, seppur in sordina, è infatti cominciata il 23 luglio, con una media di 5 stelle cadenti l’ora (mentre al picco si raggiunge quota 60-120). Un piccolo contributo, poi, è dato anche da un altro sciame, quello delle Capricornidi. Tutte le notti da oggi alla fine della prossima settimana sono quindi buone per passare qualche ora con il naso in su, soprattutto dalla mezzanotte all’alba. Non servono telescopi o binocoli, che, anzi, limitano il campo visivo.

Per chi, in ogni caso, non volesse rinunciare a priori alla notte di San Lorenzo, l’astronomo Geza Gyuk, del Adler Plaentarium di Chicago, consiglia su National Geographic di trovarsi sotto un cielo sgombro da nuvole alle 2 di mattina del 10 agosto: la speranza è di riuscire a vedere 15 stelle cadenti in un’ora (qui il calendario estivo dell’Unione Astrofili Italiani).

Commenti lascia un commento

Nessun commento, per ora.

Lascia un commento

Autore

Tiziana Moriconi

Little-questa (1)

Giornalista, a Galileo dal 2007 dove coordina la redazione. È laureata in Scienze Naturali (paleobiologia) e ha un master in Comunicazione della Scienza conseguito alla Scuola Superiore di Studi Avanzati di Trieste. Nel 2009 si è occupata della conduzione di 25 incontri sui cambiamenti climatici e sulle energie rinnovabili per il progetto di educazione ambientale Ecoscuola della Regione Lazio. Collabora con L’Espresso, Le Scienze, Mente e Cervello, Sapere, Linx Magazine (per la rubrica Internet Point), Tekneco, Corriere delle Comunicazioni e Wired


Vai alla pagina dell'autore

Oggi su Galileo

Sondaggio

Ogni anno miliardi di inquinantissime cicche di sigaretta vengono abbandonate nell’ambiente, con enormi costi per la collettività. Per questo, due ricercatori della San Diego State University, abbandonata la speranza di educare i fumatori, propongono soluzioni drastiche, come quella di vietare le sigarette con filtro, che non sono meno dannose di quelle senza. Tra le proposte qui sotto elencate quale vi sembra la più efficace?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners