Galileo Giornale di scienza e problemi globali

31 Luglio 2014 | ultimo aggiornamento circa 10 ore fa
Temi vita

Da topo a elefante in 24 milioni di generazioni

0
di Anna Lisa Bonfranceschi | Pubblicato il 02 Febbraio 2012 09:39
Detail-topo elefante

Quanto grande può diventare un mammifero, e quanto velocemente? La prima risposta è facile, basta pensare agli elefanti o alle balene. Alla seconda parte della domanda, invece, sino a oggi mancava un riscontro. Sebbene si studi molto l’evoluzione di caratteri come le dimensioni corporee all’interno delle singole specie (microevoluzione), poco si conosce circa i pattern evolutivi dei medesimi tratti in gruppi di animali più ampi, per esempio l’intera classe dei mammiferi (macroevoluzione). Ora uno studio aiuta a rispondere a entrabe le questioni: è quello pubblicato su PnaS da un gruppo di ricerca coordinato da Alistair Evans della Monash University, in Australia

Evans e la sua équipe hanno collezionato dati sulla massa di mammiferi appartenenti a 28 gruppi (tra cui elefanti, roditori e cetacei) vissuti negli ultimi 70 milioni di anni, a partire dall’estinzione di massa del Cretaceo che segnò la scomparsa dei dinosauri. Hanno poi calcolato la velocità di accrescimento delle dimensioni corporee in termini di generazioni (per poter comparare specie dalla durata di vita media diversa). Scoprendo che per passare dai circa 20 grammi di un piccolo roditore alle oltre 2 tonnellate di un elefante ci sono volute 24 milioni generazioni. Il tempo si riduce alla metà se parliamo di animali come le balene: primo perché in acqua è più facile sostenere il peso di corpi imponenti, secondo perché le grandi masse aiutano la termoregolazione. E siccome mantenere la temperatura corporea in acqua è più complicato che sulla terra, la selezione naturale deve aver spinto affinché questo carattere si affermasse velocemente negli animali acquatici. 

Sorprendentemente, i ricercatori hanno scoperto che il processo inverso, cioè la riduzione delle dimensioni corporee, può essere anche dieci volte più veloce. Diventare più piccoli, in effetti, è meno problematico: serve meno cibo e ci si riproduce più velocemente. E non è un caso che animali come gli elefanti nani, oggi estinti, vivessero su isole, dove le risorse limitate avrebbero favorito specie con minori necessità energetiche.

Riferimento: doi: 10.1073/pnas.1120774109 

Credit per l'immagine: Monash University

Commenti lascia un commento

Nessun commento, per ora.

Lascia un commento

Autore

Anna Lisa Bonfranceschi

Little-nali

Laureata in Scienze Biologiche, specializzazione in Biologia Molecolare e Cellulare. Dopo una breve esperienza nel mondo della ricerca, presso il Centro di Scienze dell'Invecchiamento di Chieti (Fondazione Università Gabriele d'Annunzio), abbandona pipe e provette per raccontare storie di scienza. Frequenta quindi un master in comunicazione scientifica e nel 2010 arriva a Galileo. Collabora con Wired, L'Espresso, Mente & Cervello, Le Scienze e D-La Repubblica.


Vai alla pagina dell'autore

Oggi su Galileo

Sondaggio

Ogni anno miliardi di inquinantissime cicche di sigaretta vengono abbandonate nell’ambiente, con enormi costi per la collettività. Per questo, due ricercatori della San Diego State University, abbandonata la speranza di educare i fumatori, propongono soluzioni drastiche, come quella di vietare le sigarette con filtro, che non sono meno dannose di quelle senza. Tra le proposte qui sotto elencate quale vi sembra la più efficace?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners