Galileo Giornale di scienza e problemi globali

24 Aprile 2014 | ultimo aggiornamento circa 4 ore fa
Temi spazio

SpaceX: lancio annullato per guasto a un motore

0
di Caterina Visco | Pubblicato il 21 Maggio 2012 13:03

Fermato all'ultimo istante. Più precisamente all'ultimo mezzo secondo. Tanto mancava al lancio della navicella Dragon dell'azienda Space Exploration Tecnology, quando i nove motori del razzo vettore Falcon 9  si sono spenti, mandando ancora una volta tutto all'aria. L'obiettivo della missione era raggiungere e agganciare la Stazione Spaziale Internazionale per scaricare carburante e  un “pacco” da 450 chilogrammi di cibo e vestiti: si trattava del secondo test nell'ambito di un progetto destinato ad avviare una collaborazione stabile tra Nasa e privati per garantire rifornimenti al laboratorio orbitante. 

Come da programma, alle 4:55 a.m. (ora locale) tutti i motori merlin del razzo si erano accesi. Il countdown era già sullo zero. Poi però, come racconta  Wired.com, l'annunciatore della Nasa George Diller si è bloccato prima del tanto atteso lift-off (lancio avvenuto), sostituendolo con il più mesto “cut-off” (annullamento): “Abbiamo avuto un annullamento, il lancio non ha avuto luogo”. 

Esattamente come era accaduto nel giugno del 2010, a far fallire il lancio è stato un guasto al motore cinque. I sensori, infatti, hanno rilevato una pressione superiore ai limiti di sicurezza nella camera del motore e a quel punto il software di bordo ha preso il sopravvento (come previsto in questi casi): ha ordinato lo spegnimento prima del motore interessato dal guasto, e poi anche di tutti gli altri, mandando a monte la partenza. Al razzo, infatti, servono tutti e nove i motori per decollare, anche se poi può portare a termine la missione anche con sette. 

"Questa volta, però, non possiamo dare la colpa ai sensori o al software”, ha dichiarato Gwynne Shotweel, presidente della SpaceX nella conferenza stampa del 19 pomeriggio. Il problema, infatti, è stato di natura meccanica: un valvola difettosa nel motore, che i tecnici dell'azienda hanno già provveduto a sostituire. 

L'azione del software è la più estrema tra le misure di sicurezza progettate dall'azienda. Quando tutti i motori sono accesi, infatti, il razzo viene trattenuto pochi secondi in sospensione sulla rampa per un ultimo controllo. Se qualcosa non funziona, il software prende il sopravvento e blocca il lancio. “ Per questo non possiamo parlare di fallimento, ma di un lancio abortito (come si dice in gergo) di proposito”, ha spiegato Shotweel. “ Un fallimento ci sarebbe stato nel caso in cui il razzo fosse partito con un motore in stato di pressione troppo alta”. 

Il prossimo tentativo è previsto per domani martedì 22 maggio alle ore 9:44, quando la Stazione Spaziale sarà nuovamente in posizione favorevole: ovvero in un punto della sua orbita raggiungibile con il minor consumo di carburante. A mettere fretta alla SpaceX è la pressione dei concorrenti: l'azienda fondata da Elon Musk non è infatti l'unica ad aver stretto un accordo con la Nasa. Lo ha fatto anche l'Orbital Sciences Corporation, per esempio, che spera di portare a termine il suo primo test entro la fine del 2012. 

L'obiettivo ultimo dell'agenzia spaziale statunitense è quello di incoraggiare il fiorire di un'industria spaziale privata, così che il costo dei lanci si riduca drasticamente. E anche trovare un modo per spedire i propri astronauti sulla Iss: da quando gli Shuttle sono stati mandati in pensione lo scorso anno, gli States non hanno più modo di raggiungere la stazione se non comprando “posti a sedere” sui razzi russi Soyuz, al prezzo di 60mila dollari l’uno (47 mila euro). La SpaceX, invece, nelle intenzioni, dovrebbe essere pronta a fornire questo stesso servizio a partire dal 2015 al vantaggiosissimo costo di 20mila dollari (16mila euro) per passeggero.

Credit immagine: SpaceX

Commenti lascia un commento

Nessun commento, per ora.

Lascia un commento

Autore

Caterina Visco

Little-n657142005_1016243_7576

Laureata in Scienze Biologiche, ha lavorato come web content editor per il portale medico Yahoo!Salute. Nel 2009, dopo uno stage a Internazionale, approda a Galileo, dove, oltre contribuire alla produzione dei contenuti, è community manager e coordinatrice della redazione. Scrive per diverse testate giornalistiche tra cui L'espresso, Wired, Le Scienze, Mente e Cervello, Nova - Sole 24 ore, Il Venerdì di Repubblica.


Vai alla pagina dell'autore

Oggi su Galileo

Sondaggio

L'Associazione nazionale dei Comuni italiani ha proposto un pacchetto di modifiche al Codice della strada, per incentivare l'uso delle biciclette e tutelare i ciclisti. Si va dalla corsia ciclabile obbligatoria alla destra delle strade all'esenzione dal rispetto dei sensi unici per le biciclette. Ma a far discutere è soprattutto il limite di velocità di 30Km/h in città per le macchine. Pensate che sia giusto?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners