Galileo Giornale di scienza e problemi globali

22 Agosto 2014 | ultimo aggiornamento circa 3 ore fa
Temi salute

E-cigarette: una moda rischiosa per i polmoni

38
di Anna Lisa Bonfranceschi | Pubblicato il 04 Settembre 2012 12:34
Detail-sigaretta elettronica

Proprio quando la moda della sigaretta elettronica sembra aver preso piede in tutta la penisola, con negozi in franchising aperti in quasi tutte le regioni dove poter provare e acquistare questi dispositivi, arriva dal congresso dell'European Respiratory Society, in corso questi giorni a Vienna, la notizia che metterebbero a rischio la salute dei polmoni. Secondo lo studio dei ricercatori dell'Università di Atene guidati da Christina Gratziou, infatti, questi dispositivi aumenterebbero la resistenza del tessuto polmonare al passaggio dell'aria, diminuendo quindi la quantità di ossigeno che arriva ai polmoni. 

Certo non sono solo gli italiani a subire il fascino delle e-cigarettes: secondo quanto emerso al congresso si contano oltre 650mila fumatori elettronici in tutto il mondo. Tuttavia per ora le sigarette elettroniche non rientrano tra i metodi raccomandati dalle linee guida per smettere di fumare. Anche a causa della mancanza di evidenze scientifiche e cliniche. Proprio per colmare queste lacune i ricercatori hanno deciso di stabilire quali fossero gli effetti a breve termine sull'apparato respiratorio.

Gli scienziati hanno osservato gli effetti prodotti da dieci minuti di fumo elettronico su un gruppo di fumatori (24, tra cui 13 con problemi respiratori come broncopneumopatia cronica ostruttiva - Bpco - o asma) e su un gruppo di non fumatori (8 in tutto). Le analisi condotte successivamente per misurare la resistenza al passaggio dell'aria, tra cui la spirometria, hanno mostrato come l'uso della sigaretta elettronica avesse degli effetti apprezzabili già nei minuti appena successivi. Nei non fumatori, infatti, i ricercatori hanno osservato un aumento della resistenza (dal 182 al 206 per cento), così come tra i fumatori senza problemi respiratori (dal 176 al 220 per cento). Nessuna variazione invece è stata osservata dopo un solo uso delle sigarette elettroniche per i fumatori affetti da Bpco e asma.

Per capire quali siano davvero gli effetti sul lungo termine delle e-cigarettes, e se si tratti di un'alternativa senza rischi alle bionde, serviranno ulteriori studi. Tuttavia, secondo Stefano Centanni, direttore della Clinica di Malattie dell'Apparato Respiratorio dell'Università degli studi di Milano, non è solo questo il problema. La prima cosa che bisognerebbe chiedersi, secondo Centanni, è se sia opportuno lasciare nelle mani del fumatore (è lui che aumenta o riduce il contenuto di nicotina nel dispositivo) la responsabilità della sua disassuefazione. 

"Nelle persone che utilizzano queste sigarette sembra che il contenuto di nicotina - una sostanza farmacologicamente molto attiva - rimanga abbastanza stabile, ed è questo che dà dipendenza", spiega Centanni. "Affidare al solo fumatore la responsabilità di ridurre progressivamente il contenuto di nicotina nel dispositivo elettronico è forse utopistico. Prima di raccomandare l'uso delle sigarette elettroniche abbiamo bisogno di evidenze scientifiche".

Credit immagine a planetc1

Commenti lascia un commento

  • di francesco iaria , il 16 Ottobre 2012 06:07
    parlare di un confronto tra e-cig e sigaretta classica, devo dire, mi sembra una forzatura ideologica, certo è che sarebbe meglio non usare ne una ne l' altra, questo tipo di indagine è semplicemente ridicola, io sono stato un fumatore accanito per 22 anni e ora da 5 mesi uso la sigaretta elettronica... non fumo una sigaretta classica da almeno 3mesi. Non uso la sigaretta elettronica col fine di smettere di fumare ma col fine di non inalare più catrame ammoniaca e innumerevoli altri prodotti della combustione, sò che la nicotina è un veleno per l' organismo, ma non penso più letale del grasso per le arterie eppure nessuno si sognerebbe di fare un indagine sull' uso delle salamelle!! A lor signori se proprio vogliono diventare crociati anti dipendenze suggerirei di studiare gli effetti dell' alcol venduto sotto benestare mondiale, molecola che produce più morti delle droghe definite pesanti. Attenti alle manipolazione da parte delle lobby del tabacco che provabilmente vedono già a rischio miliardi di introiti ( col tabacco di un pacchetto si produce nicotina per due/tre giorni di vapore)... non penso che nessuno studio serio potrà mai dimostrare che l' e-cig. produce danni simili all' inalazione dei vapori della combutione di una sigaretta classica. certo è che sicuramente il fumatore ha trovato in questo nuovo modo difumare non un metodo per smettere ma solo un modo per fumare un po' più pulito...
  • di Carlo , il 01 Dicembre 2012 10:53
    Sono stato un accanito fumatore per 31 anni (tre pacchetti di sigarette al giorno). In tutti questi anni ho cercato di smettere in tutti i modi, cerotti, pillole, agopuntura, impulsi elettrici, ma nulla, anzi riprendevo con più insistenza. Il tre settembre scrorso, quasi per sfizio ho comprato una sigaretta elettronica, e cominciando con una quantità di nicotina intermedia, sono arrivato ad oggi che, non solo non tocco più sigarette da tre mesi, ma da due settimane non uso neanche la sigaretta elettronica. Farà anche male, ma mi ha aiutato, e sinceratemnte le sto facendo una pubblicità enorme. Carlo.
  • di paola , il 14 Dicembre 2012 14:09
    salve io ho iniziato a usare la sigaretta elettronica da circa un mese......non voglio sindacare sul fatto che sia più o meno nociva delle sigarette normali voglio solo dire la mia opinione in base alla mia esperienza........dal primo giorno non ho più avuto il desiderio delle sigarette...sono rimasta sorpresa di me stessa visto i precedenti tentativi di smettere con problemi vari legati alla dipendenza da nicotina....tremendi tanto da dissuadermi a continuare!!!!!! ho anche provato a fare qualche tiro ma sono rimasta disgustata!!!! ora credo veramente di potercela fare.....diminuendo gradatamente il contenuto di nicotina!!!!!!! l'ultima sorpresa l'ho avuta ieri...si è rotto l'ascensore di casa e ho dovuto fare le scale diverse volte eeeeeee....miracolo non ho più il fiatone ...4 piani senza problemi.......io so che probabilmente non fanno benissimo ma sicuramente non fanno male come le sigarette...quindi io vado avanti così!!!!!
  • di vincenzo , il 17 Dicembre 2012 14:17
    Chi l'ha sponsorizzato questo studio?
  • di David , il 17 Dicembre 2012 14:56
    Sono un fumatore da vecchia data del tabacco conosciuto e da circa un mese faccio uso di e.sigaretta elett. Ho notato grandi miglioramenti in me ,respiro più lungo,sapori più intensi,maggiore concentrazione e altro ancora .consiglio a tutti di provarla giudicando da ciò che senti meglio senza lasciarsi influenzare, da nessuno neanche dai medici comperati dalle grandi industrie dei tabacchi.
  • di Pino , il 28 Dicembre 2012 14:56
    Vorrei sapere gentilmente sapere per chi soffre di bco che conseguenze può avere fumando la sigaretta elettronica. Ringrazio anticipatamente
  • di manuel , il 30 Dicembre 2012 18:46
    Sono fumatore da 34 anni, e da un bel po' da 2 pakk al dì. Da 15 gg uso la e-cig e nell'ultima settimana sono passato da nicotina 1,8 a 1,2. Certo fumo ancora 5/6 sigarette al giorno,pero' vedo già la differenza sul respiro, sul gusto, e soprattutto al risveglio al mattino.Non voglio dare pareri azzardati(troppo presto!) ma intanto va benissimo così !!!
  • di frederik881 , il 03 Gennaio 2013 23:04
    MA LA VOGLIAMO FINIRE DI DIRE STUPIDAGGINI? Un aerosol a base di nicotina é sicuramente meno nocivo di una sigaretta tradizionale dove si brucia carta, tabacco e parti legnose. Tanto vale dire che é un aerosol che si potrebbe anche fare a casa ma é stato reso portatile per invogliare i fumatori più accaniti. Che a qualcuno possa dare fastidio posso capire, ma come per i forni a microonde non basta lanciare la caccia alle streghe per fermare un progresso che doveva esserci almeno dieci anni fa. Poi il monopolio di stato ci metterà una bella tassa anche li e la convenienza economica finirà in una bolla di sapone mentre resterà un guadagno per la salute di tutti, chi fuma e chi deve sopportare i fumatori.
  • di christian , il 05 Gennaio 2013 21:01
    La conclusione di questi esperti che il fumo elettronico provoca danno ai polmoni, è già stata diffusa. Se gli autori in seguito tornassero indietro sicendo ai media: “Ci dispiace, ma abbiamo frainteso. In realtà, lo studio mostra solo la prova subclinica di resistenza delle vie aeree e non è chiaro se questo si traduce in un effetto clinicamente significativo.” Non importa. La parola è già là fuori sulla strada.Alla ricerca di un motivo per cui il comunicato stampa travisi i risultati del documento, il primo pensiero che mi è venuto in mente è che forse c’è un conflitto di interessi con le Big Pharma. E, in effetti, si scopre che uno degli autori dello studio – Dr. Gratziou – è stata autrice di uno studio finanziato, e condotto in parte da Pfizer, produttore di Chantix, un farmaco che rischia di perdere vendite considerevoli se le sigarette elettroniche diventano popolari.
  • di christian , il 05 Gennaio 2013 21:05
    la verita sulla ricerca http://clearstream.flavourart.it/site/?p=1007&lang=it
  • di giovanni , il 07 Gennaio 2013 18:46
    credo che anche se dannosa ( sempre da provarlo) valga la pena tentare , a titolo personale la utilizzo da 70 giorni non tocco piu' una bionda, non ho piu' il fiatone, non ho piu' il rash mattutino, non puzzo piu' come prima, non do fastidio ai vicini. risparmio tanti soldini, non impazzisco piu' se si scarica la batteria. dimenticavo prima ne fumavo almeno 40 al giorno.insomma sono un felice svapatore. credo anche che un bel giorno non faranno piu' male. il tempo di monopolizzarle. ciao giovanni
  • di Adolfo , il 13 Gennaio 2013 18:11
    Questa storia mi stranisce alquanto. Primo: il flussso di denaro che gira intorno alle bionde é spaventoso nonostante i danni prodotti dal fumo sulla popolazione e, lo Stato, che liberalizza pure l'alcool, non ha mai fatto nulla. Anzi...gli industriali che una ne fanno e cento ne pensano mi ricordano lo storico processo negli USA dove si spergiurava che il fumo non creava dipendenza e, il tutto avveniva con la benedizione deii media, trasformando così la menzogna in realtà:( Non sono un medico, ma la non aspirazione di un prodotto combusto ritengo produca sicuramente dei risultati miglirativi rispetto all'aspirazione di vapore in quantità per altro notevolmente ridotte rispetto al classico funo, se non altro alla distanza. Terzo: sto provando per uno sfizio da una settimana. Il pacchetto di sigarette tradizionale mi é durato una settimana e, più passa il tempo e meno sento la necessità di sentire puzza di fumo. Fumo, se fumo, solo dopo i pasti le classiche bionde. Quindi: due al giorno. Poi leggo addirittura: attenzione al vapore passivo ! Credo sia legittimo restare interdetti considerando che tra il vapore e il fumo passivo sfido chiunque a stabilire che il secondo é uguale o peggio del primo. Poi, chiaramente attendo con ansia gli approfondimenti e gli sstudi medici che seguiranno a questa storia molto, molto simile a quella dei cellulari ormai diffusissimi da quasi trent'anni. Tutto quello che nn é naturale fa male, questo é ovvio ma almeno si dica chiaramente che si sono fatti dei passi, anche se non risolutivi, avanti. E' più onesto penso.
  • di Pino , il 15 Gennaio 2013 18:41
    Sta di fatto che da 30 sigarette giornaliere sono passato a ZERO senza nessun problema. Penso che fumare elettronico non faccia certamente bene, ma è senza dubbio meglio del fumo tradizionale. Senza contare il lato economico, la spesa è passata da € 6,90 al giorno a 10 € ogni venti giorni.
  • di Paolo , il 04 Febbraio 2013 21:30
    La sigaretta elettronica fa molto male. Me l'ha detto il tabaccaio vicino casa mia.
  • di Ricco , il 20 Gennaio 2013 12:45
    La ricerca greca e' stata finanziata dalla casa farmaceutica Pfizer, principale produttrice di farmaci anti tumorali.....ho detto tutto!
  • di Ferraresi Paolo , il 24 Gennaio 2013 19:54
    Mia moglie era una fumatrice da 40 sigarette al giorno. Oltre alla puzza in casa, ai mobili, tende e quant'altro macchiato dal tabacco era la sua e mia salute a guastarsi. Rantolii di notte, tosse persistente al mattino appena sveglia e fiato corto per fare quattro scalini. Da circa tre mesi usa la sigaretta elettronica e si è già visto un miglioramento nel respiro, ancora qualche russata di notte, ma al mattino non tossisce più. In casa si respira meglio, adesso anch'io posso guardare la tivù assieme a lei. Ma il bello è quando tenta di fumare una sigaretta di tabacco: la butta perchè puzza. Se questo dispositivo elettronico dissuade dal fumare le bionde ben venga, ne guadagna anche chi vive accanto al fumatore....Attenti dico dispositivo perchè deve essere un mezzo per smettere di fumare, non una moda!
  • di renato , il 27 Gennaio 2013 11:54
    I signori che hanno detto queste cose contro la sigaretta elettronica mandateli a vendere patate negli angoli delle strade di periferia. quello è il loro posto.
  • di Sabino , il 28 Gennaio 2013 21:21
    Sono curioso anch'io di sapere gli sviluppo medici sulla sigaretta elettronica, purché siano seri e imparziali! Nel frattempo posso dirVi che io uso una e-cig. da circa un mese e da 28 giorni non tocco più una "paglia" catramosa e monopolizzati. Risultato? Respiro meglio io ed il mio portafogli. Premio nobel all'inventore.
  • di simone , il 01 Febbraio 2013 17:00
    certo che uno studio finanziato dalla Pfzier ditta che produce cerotti alla nicotina e gomme per smettere non può essere definito sopra le parti!!
  • di luigi , il 03 Febbraio 2013 18:39
    sono uno svapoman dell'ultima ora, e devo dire che ho cominciato il 27 gennaio del 2013 a fumare una e-ciga.risultato? da 45 sigarette normali sono passato a 5 soltanto. mi sono documentato sul sito di VERONESI, ma non ho avuto certezze in merito.faranno anche male ma di sicuro non assumo piu' catrame,monossido di carbonio e quantaltro prodotto di combustione.spero che si facciano ricerche in merito,e che si dica che il monopolio e' stato sconfitto.
  • di Antonio , il 03 Febbraio 2013 19:02
    "affidare al solo fumatore la responsabilità di ridurre progressivamente il contenuto di nicotina nel dispositivo elettronico è forse utopistico. " Ma perché al momento la scelta e responsabilità di smettere di fumare a chi è lasciata?
  • di Alan , il 09 Febbraio 2013 13:02
    Ma che razza di articoli scrivete?Dai veramente da chi siete sponsorizzati? fortunatamente la gente non è più ignorante come anni fa'...tante persone me compreso hanno smesso di fumare grazie alla ecig e voi continuate a scrivere eresie senza un minimo di informazione.. che società vergognosa!
  • di DARIO , il 14 Febbraio 2013 22:30
    Ero un fumatore di tabacco sfuso (ma anche di sigarette), mi mettevo li con le mie cartine, filtri e macchinetta per rullare e perdevo il conto di quanto me ne fumavo durante il giorno. Due settimane fa finito il tabacco ho deciso di prendere una e cig e da allora vi assicuro che non ho toccato piu' ne' una cartina, ne' una sigaretta. Avrei la curiosita' di fumarmene una per vedere la sensazione che farebbe ma la coerenza al non fumare piu' la fa da padrona
  • di Margherita , il 03 Marzo 2013 15:43
    Da una settimana non tocco più tabacco e cartine, tutto sostituito dalla e-cig. Pensavo di diminuire gradualmente la quantità di nicotina, invece già dal secondo giorno sono passata a 0 mg di nicotina. Spero pian piano di eliminare la stessa sigaretta elettronica.
  • di Claudio , il 06 Marzo 2013 03:41
    Tre mesi senza bionde (un pacchetto al giorno), Nicotina scesa da 18 a 9 un mese fa.... ora passo da 0 nicotina a 9 a seconda del caso. Obbiettivo scendere a zero nicotina. Scordiamoci ricerche dettagliate in merito fino a che ci costerà quanto fumare le classiche! Paragonarle alle siga è veramente ridicolo....
  • di ancapp , il 08 Marzo 2013 15:46
    Non riesco proprio a capire perchè l'uomo deve parlare sempre, forse perchè gli piace sentire la sua voce. La sigaretta elettronica fa male, sicuramente si ma farà male, se non meno, come una passeggiata in una qualsiasi città.
  • di stefano s. , il 17 Marzo 2013 11:25
    Ho iniziato a "svapare" (bruttissima parola, bisognerà inventarne un'altra) da una settimana. Uso nicotina 0,9. Da subito ho iniziato a fumare 5\7 sigarette normali al giorno, 1\3 di quanto fumavo prima. Sono uno psicologo e ho studiato da molti anni ogni modo per fumare poco (non smettere, fumare poco). Con la e.cig. ho ottenuto il risultato che volevo senza accorgermene. E' presto per giudicare (farò un follow-up a 1,3,6,mesi e 1 anno) ma per ora sembra un sogno. Unici aspetti negativi: l'aroma lascia un sapore un po' arido in bocca (uso aroma tabacco), alla lunga può annoiare.
  • di claudio , il 21 Marzo 2013 16:58
    Hai esposto l'articolo molto bene, rimarcando i possibili problemi dovuti all'aspirazione di vapore. Hai dimenticato quanto sia pericoloso e accertato il fumo delle tradizionali sigarette.
  • di Elio dal Piemonte , il 27 Marzo 2013 09:22
    Fumatore da quarant'anni, mediamente un pacchetto al dì; mio figlio mi ha regalato una sigaretta elettronica il giorno del mio compleanno. Fra dieci giorni sarà trascorso un anno e a parte qualche sigarettadei primi giorni , non ho più fumato ed ho ancora un residuo di ricarica di liquido da agosto del 2012 che praticamente a volte mi dimentico persino della sigaretta elettronica ormai diventata una specie di amuleto esorcista antisigaretta. Sono veramente felice, poiché basta tosse mattutina, respiro affannoso dopo breve corsa o scale a piedi, basta puzza di fumo in casa, auto, abiti e nei confronti degli altri, ; basta alla schiavitù della pausa fumo dal ristorante, cinema, teatro, aeroporti etc., etc. , etc.. Sono riuscito a convincere almeno sette persone a farne uso , ed alcune di queste addirittura non fanno neanche più uso di sigaretta el.. Nel frattempo ho anche risparmiato ca 1400Euro che non é per niente male... Meglio di così, grazie al cinese che l'ha inventata già dal 1984 (almeno questo mi risulta). Saluti a tutti e chi volesse usarla per smettere, ci provi perché potrebbe anche riuscirvi.
  • di massimo , il 27 Marzo 2013 23:11
    Il fumo uccide! e il monopolio?? ragazzi provatela..pero' consiglierei di prendere il liquido con maggiore contenuto di nicotina per poi progressivamente ridurre A volte sento amici dire che non ci stanno riuscendo.. Ma certamente da fumare un pacco e anche piu al giorno di sigarette passi alla sigaretta elettronica e ti prendi il liquido alla frutta o con nicotina 0,2 tanto piacere. Ma nessuno di voi a detto che anche a letto le prestazioni migliorano..
  • di stefano , il 05 Aprile 2013 20:03
    Domani vado a comperare la mia sigaretta elettronica :)
  • di gennaro , il 10 Aprile 2013 23:52
    w la sigaretta elettronica.sono 6 giorni che non tocco le sigarette tradizionali,fumavo circa 40 siga al dì 8,60€ per capirci.ora moltiplica x 6=60€ quasi in meno nelle casse dello stato. chi potrà incoraggiare questo mercato????????? SOLO INTERNET!! io non ho sentito la mancanza perchè la nicotina del liquido mi appaga,ora a 6 giorni svapo meno,mi sto auto-educando. obbiettivo 3 mesi e fan...o tutto!
  • di Alessandro , il 17 Aprile 2013 17:01
    5 giorni senza comprare un pacchetto di sigarette , quelle dove lo stato ci guadagna per intenderci...nessuna voglia di comprarle o di fumarne una.Eliminato migliaia di sostanze chimiche presenti nelle sigarette , quelle dove lo stato guadagna...nessun cattivo odore,alito pulito, migliore resa fisica. Ovviamente tutto questo allo stato fa paura, il notevole calo di vendite di sigarette non appena avrà preso piede , spingerà lo stato padrone a tassare anche questo modo di fumare, che poi non è fumare ma fare qualcos'altro. Smettere di fumare si può molti amici cel'hanno fatta così,e tutto questo terrorizza il monopolio...
  • di serpeint , il 07 Maggio 2013 01:17
    allora..le sigarette elettriche fanno,male fondono i polmoni,fanno diventare gay..massoni,comunisti fascisti,eccetera eccetera..no aspetta un attimo!! monopolio stabilito...sono buonissime fanno vivere piu a lungo...fanno allungare anche l uccello!!! ma andate a fanculo..lo sanno anche i sassi che il vapore e il 99,999% meno dannoso della combustione di catrame,ammoniaca,tabacco lavato con le peggio schifezze,ho sentito parlare anche di bagni in mercurio e altro.. scommettiamo che se esce un auto a vapore l ip (italiana petroli) e la shell q8,eccetera faranno condurre studi sull inquinamento da parte di queste auto a vapore....
  • di Marco , il 05 Giugno 2013 10:03
    Esperienza personale... quando fumavo prendevo farmaci per asmatici ed ero sempre raffreddato pensavo addirittura di avere allergie varie , da quando uso sigarette elettroniche ho rincominciato a fare sport dormo meglio e spendo un ventesimo rispetto a prima ...............dite ciò che volete ma io continuo per la mia strada
  • di vincenzo , il 13 Giugno 2013 15:52
    ....infatti, questi dispositivi aumenterebbero la resistenza del tessuto polmonare al passaggio dell'aria. ma che state a ddi.....ahahahaha!!! casomai determina un aumento della resistenza delle vie aeree causata da broncocostrizione.
  • di franco castelli , il 22 Giugno 2013 11:39
    sono stato un fumatore per 40 e passa anni di bionde americane da 3 settimane non tocco una sigaretta classica grazie alla e-cig!!! respiro meglio non ho piu i fischi ai bronchi.e chiaro che codesta fa meno male alla salute e alla tasca!!!!!
  • di alberto , il 29 Giugno 2013 22:50
    io ho capito che allo stato non frega niente alla nostra salute l'importante che la gente contribuisca alle casse .Vedrete che se le tassano diranno che fa benissimo .Probabilmente fara' guarire anche dall'impotenza

Lascia un commento

Autore

Anna Lisa Bonfranceschi

Little-nali

Laureata in Scienze Biologiche, specializzazione in Biologia Molecolare e Cellulare. Dopo una breve esperienza nel mondo della ricerca, presso il Centro di Scienze dell'Invecchiamento di Chieti (Fondazione Università Gabriele d'Annunzio), abbandona pipe e provette per raccontare storie di scienza. Frequenta quindi un master in comunicazione scientifica e nel 2010 arriva a Galileo. Collabora con Wired, L'Espresso, Mente & Cervello, Le Scienze e D-La Repubblica.


Vai alla pagina dell'autore

Oggi su Galileo

Sondaggio

Ogni anno miliardi di inquinantissime cicche di sigaretta vengono abbandonate nell’ambiente, con enormi costi per la collettività. Per questo, due ricercatori della San Diego State University, abbandonata la speranza di educare i fumatori, propongono soluzioni drastiche, come quella di vietare le sigarette con filtro, che non sono meno dannose di quelle senza. Tra le proposte qui sotto elencate quale vi sembra la più efficace?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners