Galileo Giornale di scienza e problemi globali

01 Settembre 2014 | ultimo aggiornamento circa 2 ore fa
Temi salute, società

Celiachia, il pane si fa con le arance

2
di Simone Valesini | Pubblicato il 14 Marzo 2013 15:10
Detail-farina arance

Pensate a quanta parte di un'arancia finisce nell'immondizia quando fate una spremuta. Ora moltiplicate questa quantità per le milioni di arance che vengono lavorate in una fabbrica di succhi di frutta, e avrete un'idea dell'entità degli scarti che devono essere smaltiti ogni giorno, con processi costosi e potenzialmente inquinanti. Una soluzione per sfruttare in modo utile questi prodotti di scarto arriva oggi dall'Irlanda: un gruppo di ricercatori del Teagasc Food Research Centre e dell'Università di Cork ha infatti studiato un metodo per trasformare la polpa di arancia avanzata dal processo di spremitura in una farina, con cui realizzare pagnotte senza glutine. La polpa di arancia è infatti ricca di fibre (40%) ed estremamente povera di grassi (2%), ma soprattutto è senza glutine, quindi perfetta per realizzare prodotti per celiaci.

Tra semi, noccioli, polpa e buccia, i ricercatori irlandesi hanno calcolato che nella lavorazione di frutta e vegetali, circa un terzo dei prodotti viene scartato, e trasformato quindi in rifiuti. Questi prodotti di scarto sono invece ricchi di fibre e sostanze bioattive, e risulterebbero perfetti per essere utilizzati come ingredienti alimentari. Come appunto per la preparazione di cibi per chi soffre di celiachia, in cui una reazione autoimmune al glutine danneggia i villi dell'intestino tenue, strutture fondamentali per assorbire le sostanze nutrienti. L'unica terapia esistente per la celiachia consiste nell'evitare completamente i cibi che contengono glutine, come il grano, l'orzo, il farro, la segale e alcuni tipi di avena. Purtroppo però molti dei prodotti gluten free oggi disponibili sul mercato sono estremamente ricchi di calorie, poco gustosi, poveri di sostanze nutrienti e, soprattutto, molto costosi.

Alla ricerca di un utilizzo alternativo per i prodotti di scarto della lavorazione delle arance, i ricercatori irlandesi hanno quindi avuto l'idea di trasformarne la polpa in una farina, con cui realizzare pane e altri prodotti a basso costo per celiaci. Un processo più difficile di quanto possa sembrare: “Sviluppare formulazioni prive di glutine può essere complicato, perché la proteina che normalmente tiene insieme il cibo, il glutine, deve essere assente”, spiega Eimar Gallagher, del Teagasc Food Research Center.

I ricercatori hanno quindi hanno calcolato il livello ottimale di farina di arance, acqua e tempo di lievitazione necessario per realizzare una pagnotta perfetta, valutando gli effetti di differenti combinazioni dei tre fattori su parametri come: volume della pagnotta, struttura delle briciole, colore della mollica, microstruttura del pane, e proprietà nutrizionali e organolettiche.

Il pane così realizzato è stato poi sottoposto al giudizio di un comitato di esperti, che ha valutato il sapore, la consistenza e le caratteristiche generali del prodotto, giudicandolo molto positivamente. “La farina ricavata dalla polpa di arance ha dimostrato di essere un ingrediente utile ed economico per migliorare le proprietà nutrizionali e il sapore del pane senza glutine, e ha tutte le carte in regola per essere utilizzato anche in prodotti non destinati ai celiaci”, conclude Gallagher.

Riferimenti e credits immagine: Teagasc 

Commenti lascia un commento

  • di edoardo , il 15 Marzo 2013 19:19
    Sicuramente da quanto leggo mi sembra una pregevole invenzione starei però attento alla frantumazione dei residui (buccie comprese) che sono quelle parti che contengono residui di pesticidi che non sono proprio di elevate qualità alimentari!! A meno che non siano tutte arancie di origine biologica, me lo auguro!! Comunque ribadisco molto interessante. Grazie per avermi letto Edoardo
  • di ignazio , il 21 Marzo 2013 09:39
    .....l'idea è geniale, concordo riguardo la buccia che è da evitare quella della produzioe convenzionale tranne quella esclusivamnet bio, ma mi chiedo come hanno fatto i ricercatori a far "lievitare " la pagnotta o meglio quale agente lievitatnte hanno usato per renderlo soffice e appetibile etc. grazie

Lascia un commento

Autore

Simone Valesini

Noavatar

Volevo fare il biologo marino
Fin da piccolo avevo le idee chiare su cosa sarei diventato da adulto: sarei stato un biologo. Un biologo marino per l'esattezza, o forse un etologo. Crescendo, altre passioni si sono avvicendate, e ho scelto di iscrivermi alla facoltà di Filosofia, lasciando così tramontare quel sogno infantile. Giunto ora al termine del mio percorso di studi, ho deciso di esplorare il mondo della divulgazione scientifica, nella speranza che possa essere un modo per ricomporre l'amore per la scienza che mi ha accompagnato per tutta la vita con le competenze umanistiche acquisite nei miei studi universitari.


Vai alla pagina dell'autore

Oggi su Galileo

Sondaggio

Ogni anno miliardi di inquinantissime cicche di sigaretta vengono abbandonate nell’ambiente, con enormi costi per la collettività. Per questo, due ricercatori della San Diego State University, abbandonata la speranza di educare i fumatori, propongono soluzioni drastiche, come quella di vietare le sigarette con filtro, che non sono meno dannose di quelle senza. Tra le proposte qui sotto elencate quale vi sembra la più efficace?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners