Galileo Giornale di scienza e problemi globali

26 Luglio 2014 | ultimo aggiornamento circa 15 ore fa
Temi ambiente, vita

Con l'iPod a caccia di specie a rischio

0
di Barbara Troilo | Pubblicato il 19 Luglio 2013 11:13
Detail-rana

Grazie a una nuova tecnologia a basso costo è possibile identificare e monitorare le fluttuazioni delle specie in via di estinzione nelle località più remote del mondo. Come? Registrando e identificando in tempo reale i versi di uccelli tropicali, rane, scimmie e insetti. Lo studio che ne spiega il funzionamento è stato condotto dall’Università di Puerto Rico e pubblicato nella rivista Peer J.

Fino a oggi per analizzare le specie presenti in un determinato luogo e la loro densità sono stati utilizzati metodi piuttosto costosi, limitati nello spazio e nel tempo e che non permettevano un monitoraggio permanente. Invece, come spiega Mitchell Aide a capo, insieme a Carlos Corrada-Bravo, del team di scienziati di Puerto Rico, "per capire l'impatto della deforestazione e dei cambiamenti climatici abbiamo bisogno di dati affidabili a lungo termine sulla fauna di tutto il mondo".

La tecnologia grazie alla quale questo diventa possibile si chiama Arbimon (Automated Remote Biodiversity Monitoring Network) e sfrutta componenti software e hardware in-situ per l’acquisizione e la gestione dei dati. Arbimon si occupa sostanzialmente di monitorare le diverse specie sulla base di registrazioni audio: una tecnica capace di operare su un territorio esteso, in modo semplice ed economico. Inoltre i risultati sono forniti in tempo reale su Internet.

L’hardware è costituito da componenti facilmente reperibili (iPod con app per la registrazione, microfono, batterie) e trasmette in tempo reale i dati a una stazione base, dalla quale vengono inoltrati al server di progetto: qui sono quindi elaborati, caricati sul sito e messi a disposizione via Internet nel giro di un minuto (qui uno schema del funzionamento). Il software è in grado di elaborare 100.000 registrazioni in un’ora, fornendo informazioni precise sulle specie presenti in un determinato posto. Per ottenere l'identificazione gli studiosi hanno creato modelli audio specie-specifici per gli anfibi, gli uccelli, i mammiferi e gli insetti, sulla base di registrazioni effettuate in un sito in Costa Rica e uno a Puerto Rico. Quest'ultimo, a Sebana Seca, è stato scelto perché è l’unico posto al mondo dove è possibile trovare Eleutherodactylus juanariveroi (Coqui llanero, nell'immagine sopra), una specie di rana in via di estinzione, scoperta di recente. Per questo i ricercatori hanno creato una stazione di registrazione permanente per migliorare l’informazione relativa all’attività e alla dinamica di popolazione della specie (qui un estratto dei segnali emessi), dalla cui analisi si evidenzia il declino nel corso di quattro anni e il successivo recupero nel quinto: un esempio di dinamica comune in molte specie, ma difficilmente misurabile.

"Ogni registrazione è l'equivalente di un campione, che può essere analizzato con le conoscenze e le tecnologie che abbiamo oggi, ma che sarà conservato in modo permanente, in modo che i biologi tra cinquanta anni saranno in grado di analizzare queste registrazioni con le nuove tecnologie, e trasformarle in informazioni utili per la scienza, la conservazione, e l'educazione delle nuove generazioni", conclude Corrada-Bravo.

Riferimenti: PeerJ http://dx.doi.org/10.7717/peerj.103

Credits immagine: USFWS via Wikipedia

Commenti lascia un commento

Nessun commento, per ora.

Lascia un commento

Oggi su Galileo

Sondaggio

Ogni anno miliardi di inquinantissime cicche di sigaretta vengono abbandonate nell’ambiente, con enormi costi per la collettività. Per questo, due ricercatori della San Diego State University, abbandonata la speranza di educare i fumatori, propongono soluzioni drastiche, come quella di vietare le sigarette con filtro, che non sono meno dannose di quelle senza. Tra le proposte qui sotto elencate quale vi sembra la più efficace?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners