Galileo Giornale di scienza e problemi globali

24 Aprile 2014 | ultimo aggiornamento circa un'ora fa
Temi spazio

Che fine ha fatto la cometa Ison

0
di Anna Lisa Bonfranceschi | Pubblicato il 29 Novembre 2013 09:16

Era da mettere in conto, come vi avevamo raccontato a proposito del destino di Ison, che la cometa potesse non sopravvivere al traumatico incontro con il Sole. Infatti, stando a quanto fa sapere la Nasa, all'indomani del giorno della verità, quello del passaggio di Ison al perielio, sembra che la cometa non sia sopravvissuta all'incontro ravvicinato con la stella. Lì infatti dove era attesa non si è visto nulla, come a significare che il viaggio per il corpo celeste si sia interrotto qui.

Il destino della cometa Ison non è ancora certo, avvertono gli esperti, ma il fatto che sia per così dire scomparsa lascia supporre che non sia sopravvissuta, come sperato da chi ne avrebbe voluto invece godere lo spettacolo nei cieli di dicembre. "Non abbiamo visto la cometa Ison nel Solar Dynamics Observatory", ha detto Dean Pesnell, scienziato che si occupa del telescopio spaziale in questione, "Ragion per cui pensiamo che questa debba essersi rotta ed evaporata prima che raggiungesse il perielio". Agli esperti resta ora da confermare il destino di Ison e far luce sulle ragioni che ne hanno determinato la scomparsa. 

Credits immagine: NASA/SDO

Commenti lascia un commento

Nessun commento, per ora.

Lascia un commento

Autore

Anna Lisa Bonfranceschi

Noavatar

Laureata in Scienze Biologiche, specializzazione in Biologia Molecolare e Cellulare. Dopo una breve esperienza nel mondo della ricerca, presso il Centro di Scienze dell'Invecchiamento di Chieti (Fondazione Università Gabriele d'Annunzio), abbandona pipe e provette per raccontare storie di scienza. Frequenta quindi un master in comunicazione scientifica e nel 2010 arriva a Galileo. Collabora con Wired e L'Espresso.


Vai alla pagina dell'autore

Oggi su Galileo

Sondaggio

L'Associazione nazionale dei Comuni italiani ha proposto un pacchetto di modifiche al Codice della strada, per incentivare l'uso delle biciclette e tutelare i ciclisti. Si va dalla corsia ciclabile obbligatoria alla destra delle strade all'esenzione dal rispetto dei sensi unici per le biciclette. Ma a far discutere è soprattutto il limite di velocità di 30Km/h in città per le macchine. Pensate che sia giusto?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners