Galileo Giornale di scienza e problemi globali

01 Agosto 2014 | ultimo aggiornamento circa 6 ore fa

Ricerca d'Italia

Temi salute, ambiente

Quanto fa bene il pomodoro biologico

0
di redazione | Pubblicato il 10 Aprile 2012 16:12

Se coltivati biologicamente, i pomodori sembrano ridurre il rischio di alcune malattie come quelle cardiovascolari e alcuni tumori. Lo afferma uno studio condotto da biologi, microbiologi e medici dell’Istituto di biologia e biotecnologia agraria del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibba-Cnr) e dell’Università di Pisa, pubblicato sul British Journal of Nutrition.

Quando coltivato biologicamente infatti questo ortaggio, già fonte naturale di acido ascorbico, vitamina E, flavonoidi, composti fenolici e carotenoidi, instaura benefiche associazioni con altri organismi, microfunghi simbionti (appartenenti al gruppo dei Glomeromycota), grazie ai quali si arricchisce di ulteriori nutrienti provenienti dal suolo.

“Questa simbiosi influenza positivamente la crescita e il contenuto in sostanze minerali delle piante di pomodoro, aumentando le concentrazioni di calcio (+ 15%), potassio (+ 11%), fosforo (+ 60%) e zinco (+ 28%) e le modificazioni del metabolismo secondario del pomodoro producono aumenti del 18,5% del livello di licopene”, spiega Manuela Giovannetti dell’Università di Pisa, che ha coordinato il lavoro.

I risultati dello studio evidenziano l'alto potere anti-estrogenico dei frutti. I composti antiestrogenici possono agire come antagonisti dei processi estrogeno-dipendenti nei tessuti target, contrastando la crescita dei tipi di cancro estrogeno-correlati. “I risultati dello studio suggeriscono che l’assunzione di cibi funzionali, come i pomodori coltivati con i loro simbionti naturali, potrebbe agire positivamente nei confronti degli effetti esercitati da molti contaminanti ambientali e industriali a cui gli esseri umani sono esposti attraverso la catena alimentare”, conclude Giovannetti.

Riferimenti: M. Giovannetti, L. Avioa, R. Barale, N. Ceccarellia, R. Cristofania, A. Iezzia, F. Mignollia, P. Picciarellia, B. Pinto, D. Realia, C. Sbrana e R. Scarpato. Nutraceutical value and safety of tomato fruits produced by mycorrhizal plants; DOI: 10.1017/S000711451100290X


Commenti lascia un commento

Nessun commento, per ora.

Lascia un commento

Autore

redazione

Little-detail-detail-logo_galileonet

Gli interventi a cura della Redazione di Galileo


Vai alla pagina dell'autore

Oggi su Galileo

Sondaggio

Ogni anno miliardi di inquinantissime cicche di sigaretta vengono abbandonate nell’ambiente, con enormi costi per la collettività. Per questo, due ricercatori della San Diego State University, abbandonata la speranza di educare i fumatori, propongono soluzioni drastiche, come quella di vietare le sigarette con filtro, che non sono meno dannose di quelle senza. Tra le proposte qui sotto elencate quale vi sembra la più efficace?

risultati

Segui Galileo su

Galileo Servizi Editoriali

Parole per la scienza

Galileo servizi editoriali è un service giornalistico che realizza inchieste per le principali testate italiane, sviluppa progetti di comunicazione per le aziende e gli enti di ricerca, produce formazione universitaria, organizza mostre, eventi, conferenze, realizza pubblicazioni su carta e siti web. vai al sito di Galileo Servizi Editoriali

Partners