- Galileo - https://www.galileonet.it -

Così i cani si calmano tra loro

Girano la testa, si leccano il naso, restano immobili o sollevano la zampa anteriore: sono alcuni dei segnali che i cani si scambiano tra loro per “calmarsi”, diminuire gli eventuali comportamenti aggressivi e instaurare tra loro una relazione pacifica. Lo rivela, sulle pagine [1] del Journal of Veterinary Behavior, uno studio condotto dal Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa.

Non è nuova in ambito veterinario l’osservazione dei cosiddetti segnali calmanti: dalla postura, alle espressioni, alla comunicazione visiva, i cani in quanto animali sociali utilizzando ampiamente l’interazione come elemento di coesione e risoluzione di conflitti all’interno del proprio gruppo. Per la prima volta però, con un metodo sperimentale, uno studio ne ha voluto indagare anche l’eventuale funzione comunicativa.

La sperimentazione è stata condotta su 24 cani, 12 femmine e 12 maschi, di cui sono stati analizzati i comportamenti durante l’interazione con altri cani, divisi tra conosciuti – con cui i 24 cani costituenti il focus dello studio avevano interagito almeno cinque volte per più di 15 minuti durante l’ultimo mese – e sconosciuti. L’osservazione delle interazioni è avvenuta in 4 incontri di 5 minuti ciascuno, in cui ognuno dei 24 cani interagiva di volta in volta con uno dei cani dell’altro gruppo, secondo una sequenza ben precisa: un cane sconosciuto dello stesso sesso, uno sconosciuto dell’altro sesso, un cane conosciuto dello stesso sesso e uno conosciuto dell’altro sesso.

In un totale di 96 incontri, sono stati osservati 2.130 segnali calmanti, la maggior parte dei quali – girare la testa, leccarsi il naso, immobilizzarsi, allontanarsi e sollevare la zampa – venivano messi in atto nell’interazione con cani sconosciuti. Il comportamento di leccare la bocca dell’altro invece, era più frequente tra cani che si conoscevano, a testimonianza della maggiore confidenza richiesta per essere attuato, in quanto potenzialmente rischioso.

Un insieme di segnali che, sottolineano gli studiosi, comportano nell’altro una diminuzione degli atteggiamenti ostili: nessuno dei 109 comportamenti aggressivi – osservati per lo più tra cani che non si conoscevano – è stato infatti preceduto da segnali calmanti. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, almeno un segnale calmante veniva messo in atto dai cani come risposta a comportamenti ostili, portando subito a una riduzione dell’aggressività nell’altro.

Infine, sebbene durante l’osservazione i cani abbiano trascorso diverso tempo senza interagire, la maggior parte dei segnali calmanti sono stati messi in atto proprio durante i momenti di interazione, facendo supporre ai ricercatori che abbiano anche una funzione comunicativa. Sono però necessari ulteriori studi per chiarire maggiormente il significato, la pertinenza e l’impatto che ciascun segnale calmante ha sui comportamenti aggressivi dell’altro.

Riferimento: Journal of Veterinary Behavior [1]