- Galileo - https://www.galileonet.it -

Il vostro cane può dormire con voi, ma non sul letto

Potete dormire sonni tranquilli anche con il vostro cane [1]. È la conclusione a cui sono giunti i ricercatori della Mayo Clinic che hanno analizzato il sonno [2] di 40 proprietari di animali che permettevano al proprio cane di dormire [3] con loro in camera da letto. Attenzione però: se Fido dorme proprio sul letto la differenza c’è e non è positiva.

Lo studio, pubblicato su Mayo Clinic Proceedings [4], aveva il fine di valutare in modo oggettivo se la presenza del cane in camera da letto costituisse un problema per il sonno dei proprietari. Un’indagine del 2015 [5] sempre della Mayo Clinic, infatti, aveva evidenziato che su un campione di 150 pazienti con disturbi del sonno oltre la metà permetteva ai propri animali domestici di dormire in camera da letto. E alcuni degli stessi proprietari ammettevano che questo potesse incidere sul loro riposo.

Il tema è da tempo oggetto di dibattito tra gli amanti degli animali, che si dividono tra chi dormirebbe abbracciato al proprio miglior amico a quattrozampe e chi, invece, per quanto lo si ami [6], gli riserva la sua cuccia.

In questa nuova indagine, dunque, sono state coinvolte 40 persone senza disturbi del sonno e i loro cani, abituati a dormire insieme. Per sette notti nell’arco di cinque mesi padroni e cani [7] hanno dormito con degli accelerometri che hanno permesso ai ricercatori di valutare la qualità del sonno di tutti i soggetti.

A sorpresa, “Abbiamo scoperto che molte persone si trovano effettivamente a proprio agio e provano un senso di sicurezza nel dormire con i loro animali”, afferma lo specialista di medicina di sonno Lois Krahn.

Nonostante questo, gli esperti della Mayo Clinic hanno evidenziato una differenza importante: chi permette al proprio cane di dormire sul letto ha una qualità del sonno peggiore di chi preferisce averlo con sé in camera ma mantenendo le distanze.

Un piccolo ma non trascurabile appunto: tutti i cani [8] coinvolti nello studio avevano più di sei mesi. In caso di cucciolotti iperattivi non ci si assume responsabilità per eventuali notti insonni [9].

Via: Wired.it [10]