Il futuro della sanità, protagonista di Frontiers Health

Viviamo in anni in cui il settore dell’assistenza sanitaria è più che mai in trasformazione. E in cui medicina e tecnologia convergono sempre più velocemente nell’healthcare, offrendo nuove opportunità di crescita, innovazione e dialogo. Da portavoce dell’evoluzione che il settore sta vivendo, torna Frontiers Health, evento dedicato alle nuove frontiere del settore sanitario, che anche quest’anno affronterà le tematiche con taglio pratico, tra presentazioni, laboratori, incontri faccia a faccia con gli esperti e workshop.

Spin-off di Frontiers Conference – iniziativa italiana nata nel 2005 che oggi organizza in tutta Europa eventi incentrati sull’innovazione digitale – dal 2016 Frontiers Health si impegna a mettere al centro della scena il tema della digital health. La seconda edizione dell’evento torna a Berlino nei prossimi giorni, tra il 16 e 17 novembre.

Prenderanno parte all’iniziativa oltre 100 startup e 400 stakeholder tra imprenditori, investitori e dirigenti d’azienda. E c’è una novità: lo Startup & Investor Lounge, un’area dedicata in cui aziende e possibili partner potranno incontrarsi per discutere e accordarsi su eventuali collaborazioni e investimenti: “L’obiettivo è riunire una vasta gamma di partecipanti così da creare un’innovativa piattaforma di condivisione – afferma Roberto Ascione, presidente dell’evento e fondatore di Healthware International ‒ in cui ognuno possa portare la propria testimonianza e contribuire, insieme agli altri, alla re-invenzione dell’healthcare”.

Esperti da tutto il mondo metteranno sulla piazza le proprie conoscenze e prospettive. Si parlerà delle nuove soluzioni terapeutiche digitali e della loro integrazione nelle pratiche di assistenza sanitaria, della necessaria evoluzione delle figure professionali del settore, del coinvolgimento dei pazienti nell’utilizzo dei nuovi strumenti, del futuro dell’assicurazione sanitaria e dei trial clinici. Oltre a Roberto Ascione, tra i grandi nomi figureranno Eugene Borukhovich – Global Head, Digital Health Incubation & Innovation di Bayer, Kristin Milburn – Strategic Partnerships Head, Digital Acceleration Lab di Novartis e Valerio Nannini – Senior Vice President Head of Strategies and Performance di Nestlé.

Al centro dell’attenzione saranno poi le nuove strategie di finanziamento, il ruolo dell’industria farmaceutica e la “Medicine of me” – ovvero come l’alimentazione, l’attività fisica e l’arte possono indurre effetti clinici misurabili. Per chiunque sia interessato, l’occasione è quella di approfondire le proprie competenze ed estendere il proprio network di contatti, oltre a trarre ispirazione dalle esperienze condivise. L’ingresso è aperto a tutti previa registrazione sul sito ufficiale dell’evento.