- Galileo - https://www.galileonet.it -

Il soldi fanno la felicità, ma in modo diverso a seconda di quanto guadagni

Share this:
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  • [1] 

La massima che vuole che “i soldi non fanno la felicità” [2] andrebbe quanto meno rivista. Secondo la scienza, la quantità di denaro di cui disponiamo ci predispone a modi diversi di essere felici. Non è detto, racconta oggi uno studio pubblicato [3] sulla rivista Emotion, che chi è più ricco sia anche più felice ma l’entità del guadagno sembra associata a diverse forme della felicità: coloro che hanno un reddito più basso provano emozioni positive focalizzandosi sugli altri e sulle relazioni, mentre le persone che guadagnano di più tendono a provare felicità concentrandosi principalmente su loro stesse.

“Un reddito più alto porta con sé molti vantaggi, tra cui una salute migliore e una maggior soddisfazione nella vita, ma non è associato per forza a una maggiore felicità”, spiega l’autore dello studio, Paul Piff, della University of California di Irvine. “La maggior parte delle persone pensa ai soldi come a una sorta di bene assoluto, ma alcune ricerche recenti suggeriscono che potrebbe non essere così”.

Nel corso del loro studio i ricercatori hanno svolto un sondaggio su 1.519 persone, chiedendo informazioni sul reddito, e sottoponendo loro una serie di domande per stimare la loro tendenza a sperimentare le sette emozioni che vengono considerate come il nucleo della felicità: divertimento, stupore, compassione, contentezza, entusiasmo, amore e orgoglio. Dai risultati delle interviste è emerso che i partecipanti più ricchi hanno una maggiore tendenza a sperimentare emozioni positive focalizzate su loro stessi, in particolare, la contentezza, l’orgoglio e il divertimento. Invece, le persone con un reddito più basso hanno più probabilità di provare emozioni positive, come compassione e amore, che si focalizzano sulle relazioni e su altre persone.

“Mentre gli individui più ricchi possono trovare maggiore positività nelle loro conquiste, status e risultati individuali, gli individui meno ricchi sembrano trovare più felicità nelle loro relazioni, capacità di prendersi cura e connettersi con gli altri”, riprende Piff. Inoltre, come ricorda l’autore, molte delle più recenti ricerche si sono concentrate sugli effetti negativi della povertà. “La povertà aumenta i rischi per una serie di aspetti della vita, come per esempio la salute. Il denaro, tuttavia, non ti garantisce la felicità, ma potrebbe predisporre a sperimentare diverse sue forme”, conclude l’autore. “Questi risultati suggeriscono che le persone con un basso reddito hanno escogitato modi differenti per provare gioia e felicità, nonostante le circostanze della loro vita siano relativamente meno favorevoli”.

Riferimenti: Emotion [3]


Share this:
  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  • [1]