- Galileo - https://www.galileonet.it -

“Quel medico sa ascoltare”

“Per curare qualcuno dobbiamo sapere chi è, che cosa pensa, che progetti ha, per cosa gioisce e soffre. Dobbiamo far parlare il paziente della sua vita, non dei disturbi”. Sono le parole sono del Prof, come veniva chiamato Umberto Veronesi, e qui è in parte racchiusa la sua eredità. Chi è in grado di raccoglierla forse non salverà più vite di altri, ma avrà adempito a uno dei doveri di un medico: saper ascoltare i bisogni del malato. A lui, nel giorno del suo compleanno, è dedicato un riconoscimento importante, il primo dato dalle donne che lo stesso Veronesi tanto amava: il Riconoscimento U.V. al laudato medico di Europa Donna Italia (Edi), l’organizzazione che riunisce oltre 110 associazioni di pazienti con tumore al seno, voluta dallo stesso Veronesi oltre venti anni fa.

Continua a leggere su Salute Seno di Repubblica.it [1]