- Galileo - https://www.galileonet.it -

“Di che squadra sei?”, i tifosi sono come fratelli

NON è scritto nel Dna, ma poco ci manca. Il tifo per la propria squadra del cuore infiamma, fa esultare, fa piangere, divide e soprattutto unisce. Con un legame talmente forte da poter essere accostato a quello tra i parenti stretti. A scoprirlo, e raccontarlo sulle pagine della rivista Scientific Reports, un’équipe di neuroscienziati del D’Or Institute for Research and Education [1] (IDOR), coordinata da Jorge Moll: i ricercatori hanno condotto, servendosi di sofisticate scansioni cerebrali, un’analisi del senso di empatia che si genera tra tifosi, scoprendo le aree cerebrali coinvolte nel processo e svelando, per l’appunto, che si tratta delle stesse regioni che si attivano quando si compiono scelte altruistiche o si interagisce con parenti stretti.

Continua a leggere su Repubblica.it [2]