Categorie: Salute

Covid-19, asintomatici e sintomatici hanno la stessa carica virale

Nel naso, nella gola e nei polmoni degli asintomatici c’è una carica virale simile ai pazienti che invece mostrano i sintomi tipici dell’infezione del nuovo coronavirus. A suggerirlo è un nuovo studio svolto dai ricercatori della Soonchunhyang University (Corea del Sud), che fornisce ulteriori prove a sostegno dell’idea che anche gli asintomatici possano diffondere il Sars-Cov-2. I risultati, pubblicati sulla rivista Jama Internal Medicine, tornano così ad alimentare l’acceso dibattito su quanto siano effettivamente contagiosi i pazienti positivi al nuovo coronavirus, senza sintomi.

Fin dall’inizio della pandemia, infatti, la scienza sta provando a capire il misterioso ruolo degli asintomatici nella trasmissione della Covid-19. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e l’Istituto superiore di sanità (Iss), infettarsi da persone senza sintomi è un’eventualità “rara” o “molto rara” e non è tra le principali vie di contagio del nuovo coronavirus. Tra i motivi c’è quello che il virus si trasmette tramite le famose goccioline di saliva infette, e quindi chi non ha sintomi, come la tosse, ha meno probabilità di far arrivare le sue particelle virale a chi è nelle immediate vicinanze. Ma gli scienziati hanno fin da subito mostrato perplessità: secondo alcuni, il contagio da asintomatici è possibile e non affatto raro. Per esempio, come vi avevamo raccontato, il virologo dell’Università di Padova Andrea Crisanti, riferendosi allo studio del comune di Vo’ Euganeo, affermava che il 43% delle persone positive al coronavirus erano asintomatiche e contagiose come quelle che mostravano sintomi.

Nel nuovo studio, il team di ricercatori ha analizzato con la tecnica della Pcr real-time i tamponi raccolti tra il 6 e il 26 marzo scorso da 303 persone, di età compresa tra i 22 e i 36 anni, messe in isolamento a Cheonan, città della Corea del Sud. Sul totale, 193 erano sintomatici e 110 erano asintomatici e tra coloro che inizialmente erano asintomatici, 89 pazienti, circa il 30% del totale, non ha mai sviluppato sintomi (quindi sarebbe più corretto chiamare i restanti pazienti presintomatici). Dalle successive analisi, i ricercatori hanno scoperto che le persone senza sintomi presentavano sia nelle vie aeree superiori che quelle inferiori livelli di carica virale elevati e simili alle persone con i sintomi. Non solo: in media, gli asintomatici hanno presentato la negatività al tampone prima rispetto ai sintomatici, rispettivamente di 17 e 19,5 giorni.

Tuttavia, come sottolineano gli stessi ricercatori, lo studio ha analizzato solamente il materiale genetico del coronavirus (l’rna virale) presente nei pazienti e non ha dimostrato quanto i pazienti fossero effettivamente contagiosi. La domanda su quale ruolo svolgano nella diffusione di Covid-19, quindi, è ancora aperta e serviranno ancora molti dati e prove per arriva a una conclusione definitiva. “Sebbene l’elevata carica virale che abbiamo osservato nei pazienti asintomatici sollevi una chiara possibilità di rischio di trasmissione, il nostro studio non è stato progettato per dimostrarlo”, spiegano i ricercatori nello studio. “È importante notare, infatti, che l’identificazione dell’rna virale non equivale alla presenza e alla trasmissione di virus infettivi. Per una migliore comprensione sulla potenziale trasmissibilità dell’infezione asintomatica sono necessari ampi e rigorosi studi epidemiologici e sperimentali”. Ma nel frattempo, suggerisce il team, “l’isolamento dei pazienti asintomatici è necessario per controllare la diffusione del nuovo coronavirus”.

Via: Wired.it

Leggi anche su Galileo: Coronavirus, perché la carica virale dei nuovi casi è più bassa

Fase 3, quanti sono veramente i nuovi positivi?

Credits immagine di copertina: Waldemar Brandt on Unsplash

Marta Musso

Laureata in Scienze Naturali alla Sapienza di Roma con una tesi in biologia marina, ha sempre avuto il pallino della scrittura. Curiosa e armata del suo bagaglio di conoscenze, si è lanciata nel mondo del giornalismo e della divulgazione scientifica. “In fin dei conti giocare con le parole è un po' come giocare con gli elementi chimici”.

Articoli recenti

Le mascherine potrebbero funzionare come un vaccino?

Facendo passare solo una piccola quantità di coronavirus, le mascherine potrebbero aiutare lo sviluppo dell'immunità,…

12 ore fa

La Nasa invierà un nuovissimo wc spaziale sulla Iss

Il lancio della navicella spaziale Cygnus è previsto per il 2 ottobre. Il suo compito…

24 ore fa

E’ covid-19, influenza o raffreddore? Cosa possono dirci i sintomi

Molti i sintomi in comune tra covid-19, influenza e raffreddore. Ma con sottili differenze, per…

2 giorni fa

Biologia sintetica: create le prime cellule “instancabili”

Un team guidato da una ricercatrice Iit è riuscito ad aumentare l'efficienza delle cellule modificate…

2 giorni fa

Un’immagine non vale più di mille parole e anche i grafici mentono

Cattive rappresentazioni, trucchetti, manipolazioni: anche i grafici a volte possono veicolare un'immagine sbagliata. Nel libro…

3 giorni fa

Covid-19, se i pazienti mentono

Secondo uno studio Usa, le persone positive al coronavirus spesso non riferiscono i propri sintomi…

4 giorni fa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy.

Leggi di più