Nelle scuole arriva Poppy, il robot stampato in 3D

Il robot umanoide progettato per affiancare gli studenti di informatica, meccanica ed elettronica nel loro percorso formativo, potrà essere costruito da chiunque, che potrà sceglierne anche il “carattere”


  •  
  •  
  •  

Si chiama Poppy ed è un androide, stampabile in 3D, che chiunque potrà costruire e dargli il comportamento che desidera. Programmato dai ricercatori francesi del Flower Lab dell’Inria ( (Institute for Research in Computer Science and Automation), realizzato grazie al progetto europeo Explorers e co-finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (Cer), il nuovo frutto della stampa in 3D è pensato sopratutto per le scuole.

“Sia l’hardware che il software sono open source”, commenta Pierre-Yves Oudeyer dell’Inria, illustrando il robottino di 84 cm di altezza: “Non esiste un solo robot umanoide Poppy, ma ne esistono tanti quanti sono gli utenti. Questo lo rende particolarmente interessante, in quanto è passato da uno strumento puramente tecnologico a una vera e propria piattaforma sociale”.

Poppy, infatti, non è stato progettato solo per scienziati e informatici ma anche per gli studenti. Il robot, infatti, potrà far parte del percorso di formazione professionale nelle scuole: “I progressi offerti dalla stampa 3D hanno già rivoluzionato il design e l’industria”, ha continuato Oudeyer, “tuttavia, è stato fatto molto poco per esplorare i vantaggi della stampa 3D e la sua interazione con l’informatica nelle aule. Con la nostra piattaforma Poppy, ora stiamo offrendo alle scuole e agli insegnanti uno strumento adeguato per coltivare la creatività dei giovani che studiano settori come la meccanica, l’informatica, l’elettronica e la stampa 3D”.

Il robot è compatibile con una piattaforma Arduino, potendo avvalersi così di dispositivi elettronici come sensori, luci e strumenti musicali e può essere anche sperimentato in settori differenti da quelli strettamente tecnici, come quelli artistici (guarda il video in proposito).

Cecilia Di Vita

Riferimenti e credits immagine: Poppy-project

Articoli correlati


  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *