Categorie: Società

Scoperta la più antica scena di caccia, fu dipinta 44 mila anni fa

Esseri umani che inseguono bufali e cinghiali. La più antica scena di caccia è stata appena scoperta in un grotta dell’Indonesia da un team di ricercatori australiano. La pittura rupestre si estende per 4,5 metri e sarebbe due volte più antica di qualsiasi altra scena di caccia finora scoperta. La pittura rupestre, scrivono su Nature gli autori dello studio, mostra una forma primitiva e complessa di storytelling e può far luce sull’evoluzione della mente umana.

Credits: A. Brumm a.brumm@griffith.edu.au (figure design and production); A.A. Oktaviana (digital tracings); R. Sardi (photographs of rock art); C.C. Lee (Sus celebensis photograph).

Un significato religioso dietro la pittura rupestre?

Scoperta a dicembre del 2017 in una grotta carsica dell’isola Sulawesi, in Indonesia, l’opera raffigura sei animali, due cinghiali e quattro bufali, in fuga da almeno otto cacciatori provvisti di corde e lance. Cacciatori in parte umani e in parte animali, con la testa di un uccello o provvisti di coda, chiamati teriantropi. Queste figure della pittura rupestre, spiegano i ricercatori, sembrano suggerire come all’epoca fossero già emersi i primi miti e le capacità di immaginazione. Gli ibridi uomo-animale sono presenti nel folklore di quasi tutte le società moderne e sono spesso scelti per raffigurare dei, spiriti o esseri ancestrali nelle religioni di tutto il mondo.

“L’aspetto più affascinante è che ha tutti gli elementi chiave del pensiero moderno umano. Stencil a mano, una scena narrativa, figure simili all’uomo. C’era già tutto 44.000 anni fa”, commenta l’archeologo Maxime Aubert, co-autore dello studio, già noto perle recenti scoperte nel Borneo. “Riteniamo che questi artisti fossero Homo sapiens e che la spiritualità e il pensiero religioso facessero parte della prima cultura umana in Indonesia”, afferma Adam Brumm, coautore della ricerca.

Per riuscire a datare la pittura rupestre, i ricercatori si sono serviti dell’analisi degli accumuli di minerali che si sono formati sul dipinto. Grazie alla misurazioni del decadimento radiattivo dell’uranio e di altri elementi, i ricercatori sono riusciti a stimare l’età dell’opera: risalirebbe, come minimo, a un arco di tempo compreso tra i 35mila e i 44 mila anni fa. “È semplicemente fantastico immaginare quanti altri dipinti rupestri sono là fuori in attesa di essere scoperti e che possono cambiare completamente la nostra comprensione della storia umana”, ha concluso Brumm.

Riferimenti: Nature

Video: Griffith Unviersity/YouTube

Credits immagine di copertina: Achmad Rabin Taim CC via Wikimedia Commons

Marta Musso

Laureata in Scienze Naturali alla Sapienza di Roma con una tesi in biologia marina, ha sempre avuto il pallino della scrittura. Curiosa e armata del suo bagaglio di conoscenze, si è lanciata nel mondo del giornalismo e della divulgazione scientifica. “In fin dei conti giocare con le parole è un po' come giocare con gli elementi chimici”.

Articoli recenti

Dal granchio blu al pesce scorpione, ecco gli alieni più strani e pericolosi avvistati in acque italiane

Si chiamano specie aliene perché non sono originarie dei nostri ecosistemi acquatici. Ecco quelle più…

2 ore fa

Perseidi: come vedere le stelle cadenti di San Lorenzo

In Italia tradizione vuole che si osservino il 10 agosto, durante la notte dedicata a San Lorenzo,…

1 giorno fa

Creato il materiale fluorescente più brillante di sempre

Un gruppo di ricerca dell'Università dell'Indiana e di Copenhagen ha ottenuto il materiale fluorescente più…

2 giorni fa

Coronavirus: il raffreddore potrebbe proteggerci dall’infezione

L'aver avuto precedenti infezioni da coronavirus del raffreddore potrebbe proteggere dal Sars-Cov-2. Non significa, però,…

2 giorni fa

Covid-19, asintomatici e sintomatici hanno la stessa carica virale

Un nuovo studio evidenzia come i pazienti positivi al coronavirus senza sintomi abbiano livelli di…

3 giorni fa

Vaginosi batterica, quanto è colpa del partner?

La vaginosi batterica può essere innescata da batteri presenti nel microbioma del pene di alcuni…

3 giorni fa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy.

Leggi di più