Categorie: Salute

Vaginosi batterica, quanto è colpa del partner?

C’è una responsabilità maschile nella vaginosi batterica, un’infezione che colpisce oltre il 20% delle donne in tutto il mondo. A dimostrarlo sono stati i ricercatori dell’Università dell’Illinois di Chicago che hanno scoperto che alcuni batteri presenti nel microbioma dell’organo sessuale maschile hanno un ruolo importante nell’insorgenza della malattia. Lo studio è stato appena pubblicato sulla rivista Frontiers in Cellular and Infection Microbiology.

La vaginosi batterica

La vaginosi batterica è un’infezione molto comune nelle donne in età fertile, caratterizzata da un cambiamento del naturale equilibrio della popolazione batterica della vagina. Questa infezione che può affliggere le donne sessualmente attive (non si riscontra nelle donne che non hanno mai avuto rapporti) può portare a una maggiore suscettibilità alle malattie sessualmente trasmissibili, come l’Hiv, l’herpes simplex, la clamidia o la gonorrea. Solitamente, l’infezione è asintomatica e passa inosservata, ma in alcuni casi può causare dolore, secrezioni vaginali, bruciori e cattivi odori, soprattutto dopo un rapporto sessuale, per cui è necessario ricorrere a un trattamento antibiotico.


Vaginosi, una nuova cura con i lattobacilli


“Il trattamento antibiotico ha un successo limitato a lungo termine, con circa il 50% delle donne che si ripresentano entro 6 mesi”, spiega l’autrice dello studio, Supriya D. Mehta. “Abbiamo bisogno di approcci più efficaci e lo studio del microbioma maschile potrebbe rappresentare una nuova strategia”.

10 batteri per l’infezione

Per capire se il microbioma del pene sia all’origine dell’esordio della vaginosi batterica i ricercatori hanno confrontato le popolazioni di batteri di 168 coppie prima e dopo l’insorgenza della malattia. Nel corso di un anno, oltre il 31% delle donne aveva sviluppato la vaginosi batterica. Dalle successive analisi è emerso che, anche se il mix di batteri variava da uomo a uomo, si poteva individuare una correlazione diretta con l’insorgenza dell’infezione nella partner. In particolare, utilizzando algoritmi di apprendimento automatico, i ricercatori hanno scoperto ben 10 batteri correlati all’infezione (tra cui Parvimonas micra, Lactobacillus iners, L. crispatus, Dialister, Sneathia sanguinegens e Gardnerella vaginalis). La presenza di questi batteri nel microbioma maschile, scrivono gli autori dello studio, predice con elevata precisione l’incidenza della vaginosi batterica.

Vaginosi, colpa solo del partner?

Ma il microbioma del pene è l’unico fattore responsabile della vaginosi batterica? Gli autori, per ora, ipotizzano due possibili scenari: il primo è che i batteri trovati nel microbioma di alcuni uomini possano avere un impatto diretto sull’insorgenza dell’infezione quando vengono trasmessi alla vagina durante un rapporto sessuale. Il secondo, invece, ipotizza che i batteri “maschili” contribuiscano solamente a una modifica generale dell’equilibrio naturale del microbioma vaginale,favorendo nel tempo lo sviluppo della vaginosi batterica.

Per scoprire l’esatto meccanismo attraverso il quale il microbioma maschile innesca l’infezione nelle partner femminili, concludono i ricercatori, saranno necessari ulteriori studi. “Vorrei che i medici, i ricercatori e le persone comprendessero il ruolo dei partner maschili”, conclude l’autrice. “Non per dar loro la colpa, ma per aumentare le opzioni e le opportunità per migliorare la salute riproduttiva delle donne e, speriamo, ridurre lo stigma della vaginosi batterica”.

Riferimenti: Frontiers in Cellular and Infection Microbiology

Credits immagine di copertina: Photo by CDC on Unsplash

Marta Musso

Laureata in Scienze Naturali alla Sapienza di Roma con una tesi in biologia marina, ha sempre avuto il pallino della scrittura. Curiosa e armata del suo bagaglio di conoscenze, si è lanciata nel mondo del giornalismo e della divulgazione scientifica. “In fin dei conti giocare con le parole è un po' come giocare con gli elementi chimici”.

Articoli recenti

Le mascherine potrebbero funzionare come un vaccino?

Facendo passare solo una piccola quantità di coronavirus, le mascherine potrebbero aiutare lo sviluppo dell'immunità,…

12 ore fa

La Nasa invierà un nuovissimo wc spaziale sulla Iss

Il lancio della navicella spaziale Cygnus è previsto per il 2 ottobre. Il suo compito…

24 ore fa

E’ covid-19, influenza o raffreddore? Cosa possono dirci i sintomi

Molti i sintomi in comune tra covid-19, influenza e raffreddore. Ma con sottili differenze, per…

2 giorni fa

Biologia sintetica: create le prime cellule “instancabili”

Un team guidato da una ricercatrice Iit è riuscito ad aumentare l'efficienza delle cellule modificate…

2 giorni fa

Un’immagine non vale più di mille parole e anche i grafici mentono

Cattive rappresentazioni, trucchetti, manipolazioni: anche i grafici a volte possono veicolare un'immagine sbagliata. Nel libro…

3 giorni fa

Covid-19, se i pazienti mentono

Secondo uno studio Usa, le persone positive al coronavirus spesso non riferiscono i propri sintomi…

4 giorni fa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy.

Leggi di più