Biopsia liquida, sempre più geni nel mirino

Ottenere un profilo molecolare del tumore più dettagliato e controllarne l'evoluzione, dando la possibilità di modificare i trattamenti e di scegliere quelli più mirati ed efficaci. Tecnologie d'avanguardia per un numero sempre più grande di pazienti

repubblica su Galileo
  • 5
  •  
  •  

I tumori non sono tutti uguali. Ci sono neoplasie con caratteristiche cellulari e profili molecolari molto diversi, anche nello stesso sito anatomico. Ci sono tumori che si modificano nel tempo o in risposta ai trattamenti attuati per combatterli. E ci sono anche quelli difficili da raggiungere, e dunque da studiare. Per ottenere la carta di identità del tumore più precisa possibile, per controllarlo e rivalutarlo, riducendo il disagio tipico di alcuni esami convenzionali, la biopsia liquida è stata una svolta: perché basta un semplice prelievo di sangue per fotografare la malattia, tenendo conto anche dell’eterogeneità tumorale. Non solo: sempre più pazienti possono usufruire dei vantaggi di questi test, perché grazie ai progressi della tecnologia è possibile mettere in evidenza mutazioni in un numero maggiore di geni.

Continua a leggere su Repubblica.it

Articoli correlati


  • 5
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *