Luci e ombre della sanità digitale in Italia

Dopo numerosi ritardi e parecchia disattenzione da parte dell’amministrazione pubblica, nell’ultimo anno la spesa per la digitalizzazione della Sanità italiana ha ripreso a crescere: + 17% nel corso del 2014 rispetto all’anno precedente, per un totale di 1,37 miliardi di euro (pari all’1,3% della spesa sanitaria pubblica, cioè 23 euro per abitante), livello che non veniva toccato dal 2010. La fotografia della sanità digitale italiana è stata scattata dall’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità della School of Management del Politecnico di Milano, che ha presentato i dati della sua annuale ricerca al convegno “Innovazione Digitale in Sanità: dai patti ai fatti”.

Al di là della ripresa, se guardiamo le cifre da vicino, non c’è da rallegrasi molto: solo il 13% dei cittadini utilizza la prenotazione online delle visite e solo l’8% accede ai propri documenti clinici sul web. Nonostante le difficoltà, molte regioni italiane stanno avviando il Fascicolo Sanitario Elettronico, anche se l’83% dei cittadini non ne ha mai sentito parlare e l’88% non sa se è attivo nella propria Regione.

Eppure i benefici dell’innovazione digitale nella sanità sono evidenti: per esempio la diffusione della cartella Clinica Elettronica in tutta Italia consentirebbe di risparmiare fino a 1,6 miliardi di euro l’anno. Mentre l’offerta completa di servizi digitali agli utenti, come la prenotazione online di esami e visite, o il download dei referti via mail, consentirebbe un risparmio di circa 350 milioni di euro l’anno alle strutture sanitarie, e oltre 4,9 miliardi di euro l’anno ai cittadini (misurando in termini di denaro il minor tempo impiegato per recarsi nelle strutture e di attesa agli sportelli).

“L’Innovazione digitale rappresenta una leva imprescindibile per fermare quel processo di progressivo deterioramento che rischia di rendere qualitativamente inaccettabili ed economicamente insostenibili i servizi del nostro sistema socio-sanitario e il Governo sembra finalmente muoversi nella direzione auspicata per la Sanità Digitale”, afferma Mariano Corso, responsabile scientifico dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità. Secondo l’Osservatorio, nell’ultimo anno Governo, Ministero della Salute e Agenzia per l’Italia Digitale hanno compiuto numerosi sforzi per creare un Patto per la Sanità digitale all’interno del più generale “Patto della Salute”, e quindi ora è arrivato dunque il momento di mettere in pratica i diversi piani, spingendo tutti i collaboratori a dare priorità a un intervento concreto.

Prendiamo per esempio il caso del fascicolo elettronico: secondo l’Osservatorio le Regioni già a fine giugno 2014 hanno presentato i loro piani per realizzarlo ma le numerose incertezze da parte dell’amministrazione centrale hanno minato la fiducia degli amministratori locali nella possibilità di realizzare questo strumento. D’altronde l’FSE non viene richiesto e preteso neanche dai cittadini-pazienti, che non avendo informazioni e non capendo di cosa si tratta non lo reclamano.

Secondo la ricerca dell’Osservatorio cresce, invece, l’utilizzo del digitale tra i medici di Medicina Generale: su un campione di 752 medici si evidenzia un aumento del 13% delle spese del 2014 per l’ICT. Nella maggior parte dei casi i medici accedono a servizi online per consultare referti di laboratorio (il 55%) o riviste specialistiche (il 43%). Per comunicare con i pazienti, i medici utilizzano sempre di più nuovi canali digitali come l’email, gli sms, e whatsapp. Inoltre, sebbene la Telemedicina sia ancora un ambito di sperimentazione (solo il 6% dei medici ha già utilizzato soluzioni di Tele-salute, come il Tele-monitoraggio), i livelli di interesse risultano molto elevati.

Infine, l’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità ha sviluppato un modello di evoluzione nell’innovazione digitale per le aziende sanitarie, l’eHealth Journey, individuando 5 ambiti prioritari: amministrativo, clinico-sanitario, relazione con il cittadino, integrazione socio-sanitaria con il territorio, infrastruttura di comunicazione e collaborazione. A secondo dello stato di innovazione, ogni singola azienda sanitaria si colloca lungo un percorso che parte da un “Traditional Healthcare System” (nel quale lo scambio di dati e informazioni avviene solo attraverso documenti cartacei) a uno “Smart Healthcare System”, caratterizzato dalla digitalizzazione dei documenti e dalla presenza di sistemi che consentono di migliorare la cura e l’assistenza al paziente, incrementandone la loro efficienza. A oggi la maggior parte delle aziende italiane si colloca tra il secondo e il terzo livello di maturità in tutti gli ambiti identificati dall’eHealth Journey, fatta eccezione per l’integrazione socio-sanitaria con il territorio, che risulta un ambito ancora meno maturo. Nonostante gli sforzi operati da alcune aziende sanitarie, che hanno già identificato i piani di evoluzione dei propri sistemi informativi, l’Osservatorio sottolinea che nessuna ha raggiunto un pieno grado di maturità. Di Smart, insomma, c’è ancora poco nella sanità italiana.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here