No, l’effetto tunnel quantistico non è istantaneo

Wired logo

Stupore nello stupore. Le particelle quantistiche possono superare un ostacolo o una barriera impenetrabili, ma, al contrario di quello che si riteneva finora, non lo fanno istantaneamente.

Questo bizzarro processo, noto come effetto tunnel quantistico, avviene effettivamente in modo molto rapido, tanto che finora era stato difficile per la comunità scientifica quantificare esattamente la scala temporale del fenomeno. Ma ora, come si racconta in uno studio apparso su Physical Review Letters, a firma di un team di ricercatori dell’Istituto Max Planck a Heidelberg (Germania), gli scienziati sono riusciti per la prima volta a individuare il tempo esatto con cui le particelle percorrono il tunnel quantistico: impiegherebbero circa 100 attosecondi, ovvero 100 miliardesimi di un miliardesimo di secondo. Un tempo certamente brevissimo, ma non istantaneo.

Continua a leggere su Wired.it

Articoli correlati

1 commento

  1. Tempo al tempo. Hanno rifatto gli esperimenti usando un setup meno prino agli errori, e a quanto pare, l’effetto tunnel e’ DAVVERO istantaneo, o quantomeno, il limite massimo superiore di tale effetto e’ di 1.8 attosecondi.
    https://www.nature.com/articles/s41586-019-1028-3

    Ci sarebbe da discurere le implicazioni relativistiche di causalita’, in base a questa nozione…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here