Categorie: Vita

Quarantena, il puledro che non doveva essere nato

Un lieto evento che ha dell’eccezionale: è nato Quarantena, figlio di un asino Amiantino e di una mula. E qui sta il “miracolo”: “Si tratta di un fenomeno molto raro – sottolinea Maurizio Monaci, ginecologo del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia. “Il mulo è la prole ibrida tra una cavalla e un asino e dovrebbe essere sterile, ma non in questo caso”.

Una delle prime uscite di Tula e il neonato Quarantena.

“Un cavallo ha 64 cromosomi e un asino ne ha 62, di conseguenza, la loro prole ne ha 63, un numero dispari che non può essere diviso in coppie, ragione per cui un mulo non può riprodursi”, spiega il genetista Stefano Capomaccio che insieme a Monaci sta studiando il caso. I due professionisti stanno indagando con tecnologie all’avanguardia le cause della inusuale gravidanza a livello molecolare. Forse la scienza riuscirà a spiegarci perché Quarantena somiglia un po’ a un asino e un po’ a un mulo, ma non esattamente ad uno di essi”.

La nascita di Quarantena lo scorso 17 aprile, in pieno lockdown da coronavirus, è avvenuta in una fattoria nei dintorni di Tuscania in provincia di Viterbo, dove ora tanti curiosi si recano a rendere omaggio a lui e agli altri mebri della “miracolosa” famiglia a quattro zampe: la mula Tuona e l’asino Lampo.

Quarantena con la madre Tuona al pascolo.

“L’evento è così raro che i latini avevano coniato un proverbio Cum mula peperit, che significa appunto quando una mula potrà partorire – ricorda Alessia Ciaramelli, l’ippiatra che ha assistito madre e figlio nelle fasi post partum.

Quarantena già alla cavezza.

Ci sono stati pochissimi casi comprovati di un mulo che ha partorito negli ultimi quaranta anni: in Marocco nel 1984 e nel 2002, in Cina nel 1988, in Albania nel 1994 e in Colorado nel 2007. Dal 1527, per nostra conoscenza, ci sono stati solo un totale di 60 casi di mule che hanno partorito. Quando accadde in Marocco, ricorda Ciaramelli, le popolazioni locali temevano che segnasse l’inizio della fine del mondo o, come in un villaggio dell’Albania, che l’evento fosse la progenie del diavolo”.

Marina Bidetti

Giornalista e direttrice di OmniNews, il giornale della medicina narrativa italiana.

Articoli recenti

Un’immagine non vale più di mille parole e anche i grafici mentono

Cattive rappresentazioni, trucchetti, manipolazioni: anche i grafici a volte possono veicolare un'immagine sbagliata. Nel libro…

20 ore fa

Covid-19, se i pazienti mentono

Secondo uno studio Usa, le persone positive al coronavirus spesso non riferiscono i propri sintomi…

2 giorni fa

Covid-19?, dopo quanto tempo si guarisce?

Per potersi dichiarare guariti da Covid-19 in Italia c’è bisogno di 14 giorni di quarantena…

2 giorni fa

Zifi campioni di apnea: quasi 4 ore sott’acqua

Un esemplare di balena a becco d’oca, o zifio, è stata osservata immergersi e restare…

3 giorni fa

Lo Spallanzani approva un test sulla saliva per Covid-19

Dallo Spallanzani arriva il via libera di un test sulla saliva, che però deve essere…

3 giorni fa

Picture a scientist: lo scienziato è (anche) donna

Svalutate, molestate, abusate. Storie di ordinaria discriminazione, raccontate nel documentario “Picture a scientist” al Festival…

3 giorni fa

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy.

Leggi di più