Settimane della Scienza a Torino, riflettori sulla Luna

Settimane della Scienza

Nei mesi di maggio e giugno 2019 la scienza esce dai laboratori e si racconta al pubblico. Se Roma è al centro della manifestazione “Eureka!” anche Torino e il Piemonte non sono da meno: in questi due mesi, infatti, torna la manifestazione delle Settimane della Scienza con visite, laboratori, mostre, spettacoli di teatro e musica. A prendere parte all’evento sono 40 enti, fra istituti, università ed altre organizzazioni, che promuovono appuntamenti di scienza e cultura. Fra i principali protagonisti delle Settimane della Scienza c’è la Luna, dato che il 20 luglio 2019 ricorre il 50° anniversario dell’allunaggio. Il nostro satellite sarà oggetto di molti degli eventi e sarà possibile osservarlo con telescopi nelle piazze e in vari punti della città di Torino. Ecco alcuni degli appuntamenti previsti.

Settimane della Scienza: gli appuntamenti con la Luna

La mostra gratuita “20 luglio 1969: il primo passo sulla Luna”, dal 2 al 19 maggio, ripercorre la storia della missione Apollo 11 attraverso documenti e oggetti originali legati allo evento storico. Ci saranno anche riferimenti alle sei missioni del Programma Apollo, da Apollo 11 ad Apollo 17, esclusa Apollo 13 che non raggiunse mai la superficie lunare. Oltre alla mostra, diversi eventi alla scoperta della Luna sono dedicati ad adulti e bambini. Domenica 12 maggio, ad esempio, un appuntamento per grandi e piccoli per osservare il nostro satellite con i simulatori Stellarium e Celestia.

Il Planetario di Torino apre lo Spazio a tutti, con spettacoli, serate per osservare la luna, laboratori per ragazzi. Fra gli eventi, anche una proposta insolita e avventurosa: venerdì 7 giugno sarà possibile trascorrere l’intera notte al planetario ed esplorare il Parco Astronomico e le sue cupole. Durante la notte si potranno osservare oggetti celesti con un telescopio e attraverso un percorso guidato lo spettatore potrà ripercorrere le tappe che hanno portato l’essere umano sulla Luna.


Beethoven e Leonardo

La scienza si rende visibile a tutti e diventa “più umana”. Come? Anche attraverso il racconto di storie, aneddoti e particolarità delle vite di grandi astronomi, musicisti e inventori. Durante le Settimane della Scienza, un incontro aiuterà a capire quale fu il rapporto fra Ludwig van Beethoven e la sua sordità e in che modo questo problema ha influenzato il suo modo di fare musica. Non mancheranno diversi appuntamenti legati a Leonardo da Vinci, di cui si celebrano (in tutta Italia) i 500 anni della scomparsa. Fra gli eventi anche un particolare tour guidato, alla scoperta della cucina rinascimentale e dei cibi di cui il genio fiorentino ci parla nei suoi scritti con le sue ricette e i suoi consigli. Pensate: esiste anche una lista della spesa stilata da Leonardo.

Settimane della Scienza: viaggio nel corpo virtuale

Tra gli eventi delle Settimane della Scienza, poi, c’è una mostra, intitolata“Uomo Virtuale”, dedicata alla scoperta del corpo umano. L’esposizione, curata dall’Infn, con l’Iit, avrà luogo dal 4 maggio al 13 ottobre al Mastio della Cittadella a Torino. La mostra prevede uno spazio di 1000 metri quadri fra installazioni immersive, giochi interattivi e multi-proiezioni. Il tutto per scoprire gli strumenti e le tecnologie messe a punto dagli scienziati per studiare e curare il corpo umano. Qui, ad esempio, i visitatori passeggeranno dentro una foresta di neuroni e potranno attivarli con le proprie mani, scoprendo come si “accendono”.

Vite invisibili e tombola periodica

Ma gli eventi curiosi delle Settimane della Scienza non sono finiti. Il ciclo di incontri e la mostra fotografica “Così piccoli, così straordinari” è un viaggio in varie tappe alla scoperta dell’invisibile mondo dei microorganismi. Da virus a batteri, da funghi a lieviti fino a microalghe, i microprotagonisti di questa esposizione si renderanno osservabili ai visitatori. Questi incontri sono in programma a Torino, alle Officine Grandi Riparazioni e in Piazza Vittorio dal 15 maggio al 17 giugno 2019. Spiritoso è anche l’appuntamento la “Tombola Periodica”, il 17 maggio alle 21 al dipartimento di chimica dell’Università degli studi di Torino. L’evento fornirà un’occasione per festeggiare i 150 anni della pubblicazione degli studi di Mendeelev e della tavola periodica. Nella tombolata ad essere tirati a sorte non saranno i numeri ma gli elementi.

Per sfogliare tutti gli appuntamenti in programma consulta il sito della manifestazione.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here