Tumore del polmone, nuove armi di immunoterapia in prima linea

L’Agenzia regolatoria americana approva atezolizumab in combinazione con bevacizumab e chemioterapia come primo trattamento per il carcinoma polmonare non a piccole cellule non squamoso metastatico

repubblica su Galileo
  • 4
  •  
  •  

Circa cinque mesi di vita in più rispetto alle sole terapie convenzionali. È questo il risultato che i pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule (Nsclc) di tipo non squamoso metastatico, senza alterazioni genomiche Egfr o Alk, possono raggiungere con la nuova terapia combinata composta da atezolizumab, bevacizumab e chemioterapia. Risultati che hanno convinto l’agenzia regolatoria statunitense – Fda – a dare il proprio nullaosta all’approccio anche come trattamento di prima linea.

Continua a leggere su Repubblica.it

Articoli correlati


  • 4
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *