La blockchain per individuare la cannabis di contrabbando

Un’azienda statunitense metterà a punto un sistema, basato su una blockchain, in grado di individuare la cannabis venduta legalmente negli Stati Uniti e di monitorare in questo modo quella di contrabbando

Wired logo
  • 1
  •  
  •  

La blockchain, la tecnologia legata al mondo delle criptovalute, come i bitcoin, torna a far parlare di sé. Questa volta, infatti, sembra essere utile per monitorare la cannabis di contrabbando. Infatti, utilizzando questo software, la TruTag Technologies, azienda statunitense delle Hawaii, ha appena affermato di essere in grado di tenere traccia della cannabis venduta legalmente negli Stati Uniti. Più precisamente, l’azienda ha in mente di taggare la cannabis commestibile (come dolcetti e caramelle) con minuscole particelle di silice, come codici a barre ingeribili, con l’idea che questi siano molto difficili da imitare e possano essere scansionati per rivelare che un determinato prodotto sia legale.

Continua a leggere su Wired.it

Articoli correlati


  • 1
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *