California in fumo: i danni visibili dallo spazio

Oltre 80 morti, centinaia di dispersi e decine di ettari di ambienti naturali in fumo è il bilancio provvisorio dei tre mostruosi incendi che dall’8 novembre stanno bruciando la California.  Nel Nord, le fiamme hanno completamente devastato Paradise, cittadina di 27 mila abitanti alle pendici della Sierra Nevada, e l’enorme quantità di fumo, visibile dallo spazio, ha raggiunto le città sulla costa, compresa San Francisco. Nel Sud della California, invece, il Woolsey Fire  e il più contenuto Hill fire hanno devastato centinaia di chilometri quadrati di territorio nell’entroterra di Malibù.  A  svelare l’estensione della catastrofe sono dati e immagini satellitari che la Nasa ha messo a disposizione per le operazioni di soccorso e di contrasto dell’incendio, che impegnano oltre 2 mila vigili del fuoco.

Gli incendi al Nord

I primi scatti riguardano l’incendio scaturito l’8 novembre intorno alle 6:30 a.m (ora locale) nel piccolo insediamento di Camp Fire, a 140 km a nord di Sacramento, che in meno di 24 ore ha distrutto oltre 80 kmq di territorio boschivo. In particolare, l’immagine qui sotto mostra la situazione alle 10:45 del mattino (18:45 Universal Time).

incendi california
Foto Nasa

Durante la notte tra l’8 e il 9 novembre forti venti hanno soffiato verso sud-sud ovest, triplicando l’estensione dell’incendio – che è arrivato a devastare un’area di oltre 600 kmq – e spargendo fumo nella Valle di Sacramento e sulle città della costa, tra cui San Francisco, come mostra una seconda immagine (qui sotto), in cui si notano anche gli altri due incendi che contemporaneamente sono scoppiati nel Sud della California.

incendi california
Foto Nasa

Le fiamme nel Sud della California

Una prima mappa dei danni causati dagli incendi di Hill e di Woolsey  è stata diffusa dal programma Nasa RECOVER il 15 novembre: le immagini mostrano che è andata distrutta almeno l’88 per cento dell’area del parco nazionale delle Santa Monica Mountains.

incendi california
Foto Nasa

La devastazione lasciata dal  Woolsey Fire  è visibile dallo spazio in un’immagine diffusa il 19 novembre che mostra come le fiamme abbiano imperversato in un’area di circa 400 kmq a ridosso di Malibu: un territorio ricco di versanti scoscesi che accelerano la corsa delle fiamme e impediscono l’uso dei bolldozer, costringendo i vigili del fuoco a operare a piedi.

 

Foto Nasa

“Le fiamme stanno devastando aree di grande importanza naturale e culturale”, dice  Martha Witter, ecologa the National Park Service. “Ci sono aree dove vivono leoni di montagna monitorati da vent’anni e specie particolari di rane a rischio di estinzione. Stiamo cercando di capire quanto le fiamme possano aver peggiorato la loro situazione”.

Riferimenti: Earth laboratory Nasa

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here