Un dinosauro piumato viveva al Polo Sud

dinosauro
(Foto: Peter Trusler/Uppsala University)

Vagava per il Polo Sud circa 100milioni di anni fa, provvisto di soffici piume per affrontare il freddo e condizioni climatiche estreme. A scoprire questo nuovo dinosauro è un team di ricerca internazionale coordinato dalla Uppsala University, in Svezia, che per la prima volta ha fornito le prove di come questi dinosauri usassero le piume anche in ambienti come quello dell’emisfero australe. Lo studio è stato appena pubblicato sulla rivista Gondwana Research.

Le piume del dinosauro

Per capirlo, i ricercatori hanno esaminato tramite avanzate tecniche microscopiche e spettroscopiche una serie di ossa e piume fossili accumulati nei sedimenti di un lago del Polo sud (in quella che è ora l’Australia118 milioni di anni fa. Dalle analisi è emerso che i dinosauri avevano una inaspettata varietà di proto-piume, ossia piume non così complesse come quelle degli uccelli di oggi (caratterizzate da reticoli intrecciati di barbi e barbule), ma più simili a semplici peli che sarebbero state utilizzate per l’isolamento. “La scoperta di proto-piume a Koonwarra suggerisce che soffici cappotti di piume avrebbero potuto aiutare i piccoli dinosauri a scaldarsi negli antichi habitat polari”, spiega il coautore Martin Kundrat dell’Università Pavol Jozef Safarik in Slovacchia.

Mimetismo e termoregolazione

Successivamente, i ricercatori hanno anche scoperto tracce di melanosomi, ossia le cellule che contengono pigmenti di colore. Sui fossili, infatti, erano presenti bande distinte di colori, tutte sulle tonalità scure, per favorire un miglior mimetismo del dinosauro, oltre a una maggior assorbimento di calore nelle fredde temperature polari (termoregolazione).

Come precisano i ricercatori, in precedenza antiche ossa dei primi uccelli e scheletri di dinosauri erano stati riportati alla luce alle alte latitudini, ma questa è la prima prova diretta di fossili di dinosauri che si servivano delle piume per sopravvivere in habitat polari estremi. “Queste piume fossili australiane sono quindi estremamente significative perché provengono da dinosauri e piccoli uccelli che vivevano in un ambiente molto freddo con mesi di buio polare ogni anno”, ha concluso l’autore principale Benjamin Kear della Uppsala University.

Via: Wired.it

Leggi anche: Anche gli pterosauri avevano le piume