L’ultimo “go” dello Shuttle

Tre minuti di ritardo. Ma Atlantis non ha deluso le aspettative di oltre un milione di persone giunte a Cape Canaveral per assistere al suo addio ai cieli. Così si chiude un capitolo della Nasa e un'era dell'esplorazione spaziale

  •  
  •  
  •  

L’ultimo Space Shuttle della storia è decollato dalla piattaforma di lancio di Cape Canaveral. Incredibilmente puntuale – appena tre minuti di ritardo – per il suo addio ai cieli, nonostante il meteo abbia lasciato tutti (oltre un milione di spettatori solo sul luogo) in sospeso fino a pochi minuti prima dell’ora stabilita (17,26 in Italia). Uno stop al countdown a meno 30 secondi e poi il “go”: Atlantis si sta dirigendo verso al Stazione Spaziale Internazionale (Iss). 

Chris Ferguson, comandante, Doug Hurley, pilota, Rex Walheim e Sandra Magnus, specialisti di missione, sono ora ufficialmente gli ultimi astronauti – tutti americani – a essere saliti a bordo di una di queste costosissime navicelle. 

Trenta anni e 135 missioni per cinque Shuttle in tutto (o meglio 6, ma il primo ha eseguito solo test di decollo). Quest’ultima missione, la Sts-135, appunto, sarà di routine: gli astronauti dovranno portare in orbita il modulo multifunzione Raffaello caricato con quattro tonnellate di rifornimenti, agganciarlo alla Iss e poi riportarselo a casa dopo 12 giorni, con dentro i rifiuti degli abitanti della stazione. A questo compito si aggiunge quello di trasportare il Robotic Refuelling Mission (Rrm), che servirà a testare il rifornimento di carburante dei satelliti in orbita.La prima, Sts 1, è avvenuta poco più di trenta anni fa, il 12 aprile del 1981 (qui un documento Nasa che ripercorre tutta la storia degli Shuttle). 

I 5 Space Shuttle

Enterprise Il primissimo Shuttle, che non andò mai in orbita, ma venne usato esclusivamente per i test di decollo. Avrebbe dovuto chiamarsi Costitution, in onore del bicentenario della Costituzione americana, ma la lobby dei fan di Star Trek riuscì a cambiarne il nome. 

Columbia Ha inaugurato ufficialmente l’era degli Shuttle nel ’81 e ha eseguito 28 lanci prima del tragico incidente del 1 febbraio 2003 (quando si disintegrò con i sette astronauti a bordo, durante il rientro nell’atmosfera terrestre). 

Challenger È la navicella della prima camminata spaziale; dal 1983, rimase in carica per 10 missioni; anche questo Shuttle è il protagonista di una tragedia: esplose in fase di decollo il 28 gennaio del 1996. 

Discovery Lo Shuttle più longevo (1984-2011), che eseguito più missioni (39) e che ha portato in orbita ben 31 satelliti e telescopi, compreso Hubble (1990); al momento è conservato in Virginia, presso il National Air and Space Museum.

Endeavour Ha messo i razzi a terra per l’ultima volta lo scorso giugno, dopo 24 missioni (1992-2011)

Atlantis questo Shuttle è alla sua 33esima missione. Ha compiuto l’ultimo restauro di Hubble e ha lanciato le sonde Galileo e Magellano.

Qui il collegamento streaming


  •  
  •  
  •  

0 commenti su “L’ultimo “go” dello Shuttle”

  1. A me sembrano 5 + 1:
    Enterprise Il primissimo Shuttle, che non andò mai in orbita, ma venne usato esclusivamente per i test di decollo. Avrebbe dovuto chiamarsi Costitution, in onore del bicentenario della Costituzione americana, ma la lobby dei fan di Star Trek riuscì a cambiarne il nome.

    Enterprise
    Columbia
    Challenger
    Discovery
    Endeavour
    Atlantis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *