Fumi marijuana? Meglio se lo dici all’anestesista

marijuana

Chi assume regolarmente marijuana potrebbe rispondere meno all’anestesia, e potrebbe aver bisogno di una sedazione più forte in caso di procedure mediche invasive come un’endoscopia. Per i consumatori abituali di cannabis in alcuni casi potrebbe servire addirittura una dose doppia di farmaci. A dirlo è uno dei primi studi che si occupa di questo tema, troppo poco dibattuto secondo gli esperti. La ricerca è pubblicata su The Journal of the American Osteopathic Association.

Sedazione, fino al 220% in più per chi fuma marijuana

I ricercatori hanno considerato i dati clinici di un campione di 250 pazienti, sottoposti a gastroscopia e colonscopia dal 2015 al 2017 in Colorado, dove l’uso ricreativo della cannabis è stato legalizzato. Sia persone che consumavano abitualmente cannabis sia persone che non ne facevano uso. Dai dati è emerso che in media, chi era un consumatore doveva ricevere una sedazione più potente. I farmaci impiegati sono oppiodi e anestetici ad azione ipnotica. In particolare, la dose di propofol, uno dei medicinali più usati, arrivava fino al 220% (più del doppio). Mentre la dose del fentanyl veniva aumentata in media del 14% e quella midazolam del 20%.

Marijuana e anestesia

Gli autori dello studio sottolineano la mancanza di conoscenze sull’argomento. Soprattutto perché a fronte di una sedazione più forte potrebbero presentarsi disturbi indesiderati più intensi o frequenti. “Alcuni farmaci sedativi hanno effetti collaterali dose-dipendenti”, spiega il ricercatore Mark Twardowski, primo autore del paper. “Questo fenomeno diventa particolarmente rischioso, considerando che la soppressione della funzione respiratoria è un noto effetto collaterale”.

Queste problematiche potrebbero riguardare anche il caso dell’anestesia generale, quella utilizzata negli interventi chirurgici veri e propri, almeno stando a quanto riferito dagli anestesiologi interpellati dai ricercatori. Per questo, concludono nello studio, è necessario un aggiornamento, nell’ambito dell’anestesiologia, per affrontare l’argomento, anche a fronte della legalizzazione della cannabis, non solo ad uso terapeutico ma anche ricreazionale, in vari paesi.

Articoli correlati

1 commento

  1. 250 candidati al test? E che screening sarebbe??? Una cazzata immonda x avere dati attendibili ci vogliono almeno 20000 persone non 250!!! Assurdi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here