Nel Dna il segreto delle ragnatele

Più che l’arte tessitrice del ragno è il suo Dna a rendere la ragnatela resistente. Ricercatori della University of California Riverside e della University of Wyoming, Usa, hanno compilato le sequenze genetiche che in cinque generi diversi di ragni (Araneae) codificano la fibroina, la proteina di cui sono fatte le ragnatele e che, secreta allo stato liquido, solidifica rapidamente e trasformandosi in una fibra insolubile. Tra tutte le sequenze analizzate, i ricercatori hanno trovato un elemento comune: una serie di quattro “motivi” ripetitivi, cioè quattro brevi frammenti di Dna che si ripetono sempre uguali. Questo risultato, pubblicato su Science, contribuisce a chiarire un problema di cui gli scienziati si occupano da molto tempo: l’elevata resistenza delle ragnatele dipende dalla loro struttura proteica o dal particolare metodo di “tessitura”? Pur non dirimendo definitivamente la questione, la presenza ricorrente dei motivi ripetuti (che sembrano addirittura risalire a 125 milioni di anni fa nella storia evolutiva dei ragni) tra i diversi generi dimostra che la sequenza genetica delle proteine è un fattore fondamentale nel determinare le caratteristiche della ragnatela, almeno tanto importante quanto l’abilità dei tessitori. I quattro motivi sono presenti anche in altre proteine strutturali particolarmente robuste, come quelle che costituiscono il guscio delle ostriche o dei mitili. Ma, sostengono gli autori, queste strutture si sarebbero evolute per vie indipendenti rispetto alla fibroina delle ragnatele. (f.n.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here