Profezia Maya, non sarà la fine del mondo

No, il mondo non finirà il 21 dicembre 2012. Questa data del calendario Maya, infatti, sarebbe stata scelta dal re Yuknoom Yich’aak K’ahk’ non per indicare la fine del mondo ma quella del suo impero. A spiegare la scelta del 2012 sono le iscrizioni su di un blocco di pietra vecchio 1300 anni ritrovato nel sito archeologico di La Corona in Guatemala da Marcello Canuto, direttore del Middle American Research Institute della Tulane University di New Orleans e Tomás Barrientos della Universidad del Valle de Guatemala.

Tra le rovine del sito, devastato in passato da saccheggiatori alla ricerca di oggetti preziosi e reperti da vendere sul mercato nero, gli archeologi hanno trovato alcuni blocchi, parte di un gradino di una scalinata, scolpiti con 56 geroglifici Maya. Le iscrizioni, la cui scoperta è stata presentata al Palazzo nazionale della cultura di Guatemala City, raccontano 200 anni di storia politica dell’impero Maya al tempo di uno dei suoi più potenti re, Yuknoom Yich’aak K’ahk’, di cui si sa molto poco.

“Il testo parla di un evento storico, non è una profezia“, spiega Barrientos. Si tratterebbe del racconto della visita alla città di La Corona del re Yuknoom Yich’aak K’ahk’ dopo la sconfitta inflittagli dal rivale Tikal nell’anno 695 a.C. Con questa visita il re mirava a forgiare nuove alleanze, rinsaldare quelle vecchie e dissipare le paure dei suoi sudditi.

“In un tempo di disordini politici che rischiavano di far crollare l’intero impero”, prosegue Barrientos, Yoknoom voleva dare una senso di continuità e stabilità politica”. Così il re indicò casualmente il 2012 come termine del ciclo di durata dell’impero. Una data abbastanza lontana da tranquillizzare i sudditi sulle sorti dell’impero.

Riferimenti: Middle American Research Institute  

Credit immagine a David Stuart/Tulane University

1 commento

  1. Profezie sul 21 dicembre 2012
    Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

    Maschera maya.
    Il 21 dicembre 2012 è la data del calendario gregoriano nella quale secondo alcune credenze e profezie, prive di qualsiasi rilievo scientifico, si dovrebbe verificare un evento, di natura imprecisata e di proporzioni planetarie, capace di produrre una significativa discontinuità storica con il passato: una qualche radicale trasformazione dell’umanità in senso spirituale oppure la fine del mondo. L’evento atteso viene collegato temporalmente alla fine di uno dei cicli (b’ak’tun) del calendario maya.

    LA LUCE DELL’ANIMA è il libro natalizio della nuova era. Si avvera così la profezia Maya rivelata a Maiello che scrive il bene (l’amore) per leggere il bello (alla luce della coscienza) e credere il vero (della Mente Suprema)!

    E pertanto il 21 dicembre 2012 inizia l’era spirituale (ultrapallio) con l’uomo cosciente che prenderà il posto del rimbecillito homo sapiens (neopallio)! La luce dell’anima è il nuovo libro che, con le sue poesie istruttive e scale cognitive (www.francescoandreamaiello.it), introdurrà la nuova era alla luce dell’anima (triplice coscienza) che è certezza di vivere (cogito ergo sum – pensiero), consapevolezza di amare (amo e sempre sarò – amore) ed eleganza di vivere con la coscienza morale (gnothi sautòn – coscienza).

    L’AngeloRaffaele editore (081/5721385)… scrivere il bene, leggere il bello per credere il vero!
    Il libro (300 pagine x 10 euro da leggere d’un fiato!) narra anche l’incredibile storia dell’angelo (trama di eccelsa regia) disceso in terra sotto mentite spoglie. Per chi non è soddisfatto c’è il rimborso con gli interessi, a chi non piace c’è… l’inferno (Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtude e canoscenza)!

    http://www.francescoandreamaiello.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here