L'incredibile video della baby megattera appena nata

baby megattera
(Foto: University of Hawai'i)

Eccola nuotare nell’infinito blu dell’Oceano Pacifico, in una danza di maldestre pinnate e colpi di coda ancora un po’ scoordinati. È la baby megattera, nata da poco meno di venti minuti. A riprenderla, in un incredibile e rarissimo video, insieme alla sua mamma a largo dell’isola di Maui è stato il fortunato ricercatore Lars Bejder, direttore del Marine Mammal Research Program presso l’Università delle Hawai’i a Manoa (Honolulu), esperto di balene e delfini.

La storia

Cercando di studiare in che modo i cambiamenti climatici, le attività umane e la disponibilità di cibo possono influenzare il comportamento e lo stile di vita dei mammiferi marini, Bedjer ha deciso di monitorare da vicino le balene, con l’aiuto di un drone per non disturbarle. Durante uno dei suoi monitoraggi, esattamente il 20 gennaio scorso, Bedjer era stato chiamato da un tour operator locale che, allarmato, aveva riferito di aver notato del sangue e strani spruzzi in acqua. Non perdendo altro tempo, Bejder aveva subito inviato il suo drone nella direzione indicata.

Per fortuna, si trattava una buona notizia: una baby megattera appena nata. “Questo video è straordinario: direi che sono passati 20 minuti da quando la femmina di megattera ha dato alla luce il suo piccolo”, ha spiegato l’esperto. “Quando il mio drone è arrivato sul luogo, c’era ancora del sangue in acqua e il piccolo era ancora molto scoordinato nei movimenti”.

La baby megattera

A differenza dei pesci che sono ovipari (ovvero che depongono le uova), i mammiferi marini, come i delfini e le balene, danno alla luce i loro piccoli dopo una gravidanza relativamente lunga di circa 11 mesi. I cuccioli, poi, si nutrono del latte materno per 5-7 mesi prima di essere svezzati, ma continuano a rimanere con le loro madri fino ad almeno un anno di età. Nel video, il piccolo sembra essere davvero giovanissimo, e lo si può capire dal fatto che la sua pinna dorsale e la sua coda sembrano essere ancora abbastanza morbide. “Penso che tutti possano apprezzare questo tipo di video: più ci si avvicina a queste creature e più ci si rende conto della loro maestosità”, ha commentato Bejder. “Penso che sia davvero un evento spettacolare”.

Riferimenti: Università delle Hawai’i

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here