Voglio una voce tutta nuova

Repubblica - logo

pixabay

Che sia uno strumento digitale ( una app) o analogico ( un vecchio mangianastri) non importa: lo shock di sentire la propria voce uscire da un registratore arriva per tutti, prima o poi. Si percepisce stridula, più acuta, priva di corpo. È un fenomeno naturale – nella registrazione si perdono le frequenze più gravi e il suono arriva più alto alle nostre orecchie – che la scienza sta cercando di approfondire. Perché la voce di un individuo è molto più che un semplice mezzo per comunicare, dice Silvia Biferale, terapeuta della voce e del respiro.

Continua a leggere su Repubblica.it