#ZeroEpatiteC, la campagna per la lotta all’epatite

epatite c

(EpaC Onlus) – Le stime più aggiornate dicono che in Italia circa 300.000 persone hanno una diagnosi di epatite C; ogni anno sono circa 1.200 i nuovi casi di contagio diagnosticati. Dal 2015 sono finalmente disponibili cure efficaci e risolutive, ma il virus dell’epatite C è ancora diffuso. In Italia sono circa 10.000 le persone che ogni anno muoiono a causa dell’epatite C e delle gravi complicanze che da essa derivano (come cirrosi e tumore del fegato).

La Campagna “Vogliamo Zero Epatite C”

EpaC onlus www.epac.it, lancia “Vogliamo Zero Epatite C” Campagna di informazione e sensibilizzazione sulla malattia, sulle sue gravi conseguenze e sulle nuove efficaci cure, oggi finalmente disponibili. La Campagna sarà veicolata su tutti i mezzi di informazione e supportata da uno spot istituzionale e da video appelli realizzati grazie all’impegno a sostegno di EpaC di numerosi testimonial: il capitano del Milan e centrocampista della Nazionale, Riccardo Montolivo; l’attaccante della Lazio e della Nazionale Italiana Ciro Immobile; l’allenatore ed ex calciatore Hernán Crespo, il campione olimpico, oro nel Fioretto a Rio 2016, Daniele Garozzo, il giornalista sportivo Gianluca di Marzio e la conduttrice e scrittrice Rosanna Lambertucci.

L’iniziativa ha il patrocinio di Lega Serie A e avrà visibilità sui campi di gioco nella 23ma giornata di Campionato il 4, il 5 e il 7 febbraio.

La raccolta fondi: il numero solidale 45544

Alla campagna informativa è legata la raccolta fondi con sms solidale al 45544 dal 3 al 20 febbraio. I fondi raccolti contribuiranno a realizzare un Numero Verde EpaC a disposizione dei cittadini, promosso dall’Associazione come strumento fondamentale per essere ancora più vicina e raggiungibile per le persone colpite da epatite C, dai loro familiari che necessitano di un’informazione accurata e autorevole sulla malattia, sulle possibili cure e sui modi e luoghi dove ottenerle.

Il Numero Verde EpaC

Al Numero Verde, che l’Associazione vuole realizzare con il contributo di tutti, risponderanno operatori dell’Associazione EpaC, in collaborazione con Infettivologi e Gastroenterologi qualificati, specializzati nell’attività di counselling in grado di fornire sostegno e indicazioni utili e scientificamente corrette prima e dopo la diagnosi di Epatite C, indirizzando le persone ai centri qualificati più vicini e seguendole durante il percorso di un’eventuale terapia.

La malattia

In Italia si stima siano circa 300 mila le persone con diagnosi accertata di Epatite C, perlopiù ricomprese nella fascia di età di 35-75 anni. Un numero imprecisato di soggetti deve ancora scoprire l’infezione. Ogni anno sono circa 1.200 le persone alle quali viene diagnosticato il contagio da HCV e circa 10.000 sono coloro che muoiono a causa delle complicanze dell’epatite C (come cirrosi e tumore del fegato).

L’epatite C è una malattia dovuta all’infezione del virus HCV (Hepatits C Virus) che causa l’infiammazione del fegato con danni progressivi che possono essere anche molto gravi. A differenza delle epatiti A e B, a tutt’oggi non è disponibile alcun vaccino.

Le cure

Curare l’epatite C è possibile. Oggi il 95% delle persone con questa malattia può essere completamente guarito dall’infezione con un ciclo terapeutico di 3-6 mesi attraverso la somministrazione di farmaci per via orale, chiamati antivirali ad diretta, con effetti collaterali minimi se non assenti.

In Italia, negli ultimi due anni su un totale stimato di 300.000 pazienti con epatite C circa 66 mila malati hanno potuto accedere alle cure con i nuovi farmaci garantite dai protocolli del Servizio Sanitario Nazionale, guarendo totalmente dall’infezione. Si tratta di una vera rivoluzione scientifica. Ma non basta.

Proprio in virtù di questa rivoluzione terapeutica, l’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente messo a punto una strategia globale per l’eliminazione dell’Epatite C nel mondo e si è posta importanti obiettivi per il 2030: ridurre le nuove infezioni di epatite virale del 90% e ridurre il numero di morti a causa di epatite virale del 65%.

Dichiarazione di Ivan Gardini, presidente EpaC onlus:Dobbiamo agire velocemente per informare tutti quei pazienti che hanno l’epatite C ma ancora non si sono recati presso un centro specializzato per agevolare il loro percorso terapeutico sino alla guarigione, evitando che la malattia peggiori – dichiara Ivan Gardini presidente di EpaC -. Quella dell’OMS è una strategia ambiziosa, ma abbiamo gli strumenti per raggiungere gli obiettivi annunciati. Ad oggi non esiste un vaccino per l’epatite C, ma l’introduzione dei nuovi farmaci antivirali ad azione diretta, rende possibile la guarigione della quasi totalità dei pazienti trattati entro 3-6 mesi. Ci aspettiamo che le autorità sanitarie garantiscano in tempi molto brevi e una volta per tutte l’accesso a questi nuovi farmaci per tutti i pazienti eleggibili ad una cura”.

Come donare

SMS Solidale
Sostieni EpaC onlus – Dona 2 euro con un SMS al 45544 da cellulare personale Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile e Coop Voce.  Oppure dona 2 o 5 euro chiamando allo stesso numero da telefono fisso TIM, Infostrada e Fastweb o 5 euro da rete fissa Vodafone, TWT e Convergenze

Carta di credito o PayPal
Puoi effettuare donazioni online con carte di credito o usare il circuito PayPal www.epac.it

Conto Corrente Postale
Conto Corrente Postale N°: 56350069
Intestazione: Associazione EpaC onlus
IBAN: IT 26K0760101600000056350069

Bonifico Bancario
Conto Corrente Bancario N°: 82174
Banca Popolare di Bergamo, filiale di Vimercate
Intestazione: Associazione EpaC onlus
IBAN: IT 86A0542834070000000082174

Assegno Non Trasferibile
Intestazione: Associazione EpaC onlus
Inviato a: Associazione EpaC onlus
Via Luigi Cadorna 17/A – 20871 Vimercate (MB)

Donare il tuo 5×1000
Visita il nostro sito internet dedicato al 5×1000 www.5-x-mille.it

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here