Biologia farmaceutica, una borsa di studio ricorda Vittorio Iammarino

Farmacista, colto e appassionato di piante medicinali, Vittorio Iammarino è stato uno degli autori di Galileo. In sua memoria, una borsa di studio della Sapienza

biologia farmaceutica
  •  
  •  
  •  

Era un autore di questo giornale, ma soprattutto un amico. Farmacista, appassionato di piante medicinali, colto e curioso di tutto ciò che riguardasse la salute, Vittorio Iammarino è mancato, troppo giovane, pochi mesi fa. Oggi la Fondazione per la promozione dello studio e della ricerca La Sapienza ha bandito per l’anno 2019 un concorso per il conferimento di una borsa di studio, alla sua memoria e a quella di suo figlio Edoardo, per la migliore tesi in Biologia Farmaceutica discussa presso un’Università Statale italiana. La borsa è finanziata dalla moglie di Vittorio, Mara Sarlatto.


La borsa di studio in Biologia Farmaceutica

La borsa di studio è di 1.500,00 euro al lordo degli oneri a carico del beneficiario. La borsa di studio è incompatibile con altre borse di studio, relative allo stesso oggetto, erogate dalla Fondazione Sapienza nel presente anno e/o usufruite dai candidati negli anni precedenti.

La domanda di partecipazione al concorso dovrà essere compilata, entro e non oltre il 22 marzo 2019, esclusivamente on line. La cerimonia annuale di conferimento delle attestazioni, che sarà comunicata in congruo anticipo ai vincitori, è prevista per il mese di giugno 2019.

Per scaricare il bando, clicca qui: https://www.fondazionesapienza.uniroma1.it/node/643

Articoli correlati


  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *