Capelli grigi? Questione di dna

C’è chi proprio non li sopporta e non rinuncerebbe mai alla tinta, ma anche chi, magari anticipando di anni la comparsa dei primi fili argentati, opta per un look “granny hair” (“capelli da nonna”) dal parrucchiere: i capelli grigi sono temuti, rifiutati o esibiti, ma si sa ancora molto poco sulle cause che ne determinano la comparsa. Una scoperta decisiva in materia arriva da uno studio coordinato dall’University College London presentato sulle pagine di Nature Communications, che ha identificato il primo gene legato all’incanutimento dei capelli.

La ricerca, condotta in collaborazione con diverse università fra Regno Unito, Spagna, Centro-Sud America e Australia, ha visto la partecipazione di 6357 persone con antenati di diverse origini – europee, nativo-americane e africane – assicurando così un’ampia variabilità nell’aspetto della chioma. Colore, densità e forma dei capelli sono stati valutati sia negli uomini che nelle donne; in più, negli uomini sono state prese in considerazione anche barba e sopracciglia. Questi tratti sono stati poi correlati con i risultati ottenuti dall’analisi dell’intero genoma dei partecipanti, identificando le varianti genetiche alla base delle diverse caratteristiche di peli e capelli.

Una variante del gene IRF4 è stata individuata come responsabile della presenza di capelli grigi. Questo gene era già conosciuto per essere coinvolto nella determinazione del colore dei capelli, ma non era mai stato associato all’incanutimento. IRF4 regola la produzione e l’immagazzinamento della melanina, il pigmento che definisce il colore dei capelli, ma anche della pelle e degli occhi. Dal momento che il colore grigio del capello è causato dall’assenza di melanina, gli scienziati sono interessati a comprendere il ruolo preciso di IRF4 in questo processo, con possibili applicazioni in campo cosmetico.

Kaustubh Adhikari, leader dello studio, sottolinea: “Diversi geni coinvolti nella calvizie e nella definizione del colore dei capelli erano già conosciuti, ma è la prima volta che un ‘gene del grigio’ viene identificato, oltre ad altri geni che influenzano la forma e la densità di peli e capelli. Questo è stato possibile perché abbiamo analizzato un ‘melting pot’ di individui molto diversi fra loro, cosa che non era mai stata fatta prima d’ora su così larga scala.” Gli altri geni individuati sono PRSS53, legato alla forma del capello e quindi al suo aspetto liscio o mosso, EDAR e FOXL2, che controllano rispettivamente lo spessore della barba e delle sopracciglia, e PAX3, una cui variante determina lo sviluppo del monosopracciglio. Oltre che cosmetologiche, le implicazioni sono anche di tipo forense: grazie a questi risultati sarà infatti possibile migliorare le tecnologie in uso per tracciare identikit dei volti basandosi su caratteristiche genetiche.

Riferimenti: Nature Communications doi:10.1038/ncomms10815

Credits immagine:Prizmatic/Flickr CC

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here