Ecco i pesci che riescono a vivere (quasi) senza ossigeno

Nelle profondità del Golfo della California sono stati scoperti dei pesci simili alle anguille in grado di sopravvivere in ambienti poverissimi di ossigeno

Repubblica - logo
  • 4
  •  
  •  

SECONDO alcuni autorevoli testi di biologia, gli Ophidiidae (una famiglia di pesci simili alle anguille) non potrebbero sopravvivere senza ossigeno. Ma gli Ophidiidae non lo sanno, e perciò continuano a sopravvivere. Potrebbe essere questo, parafrasando un noto aforisma attribuito a Igor Sikorski, il sunto estremo dei risultati di una ricerca recentemente pubblicata sulla rivistaEcology da parte di un’équipe della Scripps Institution of Oceanography: gli scienziati hanno infatti scoperto, negli abissi oscuri del Golfo della California, un ambiente poverissimo di ossigeno, la presenza di due tipi di pesci: esemplari appartenenti alla famiglia delle Ophidiidae, per l’appunto, e i cosiddetti gattucci lecca-lecca, o Cephalurus cephalus, una specie di squali di appena 25 centimetri di lunghezza. Nonostante si sospettasse già che queste specie fossero in grado di sopravvivere anche in ambienti a bassa concentrazione di ossigeno, la scoperta consentirà di comprendere meglio come questi e altri abitanti del mare riescano a estrarre i componenti fondamentali per la vita da ambienti così ostili.

Continua a leggere su Repubblica.it

Articoli correlati


  • 4
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *