Ictus, la riabilitazione si fa con i robot

Repubblica - logo

AMEDEO, Diego, Pablo e Motore. Sono questi i nomi di quattro robot che, da qualche mese, si sono rivelati indispensabili compagni di riabilitazione per i pazienti di 7 centri della Fondazione don Gnocchi. Assieme all’opera dei fisioterapisti – che rimane insostituibile – i sistemi robotizzati, infatti, si sono mostrati estremamente efficaci ed efficienti nel migliorare la riabilitazione dei soggetti affetti da malattie e disturbi neurologici tra cui ictus, sclerosi multipla e sclerosi laterale amiotrofica. A dimostrarlo i risultati preliminari dello studio multicentrico condotto da un’équipe di esperti della Fondazione, guidata da Irene Aprile, recentemente presentati nel corso del convegno “La tecnologia e la robotica in riabilitazione” tenutosi lo scorso 11 novembre a Roma.

Continua a leggere su Repubblica.it

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here