Petrolio, gas e rischio terremoti, ecco cosa sappiamo

Wired logo

Mentre in Italia imperversano le discussioni (e le polemiche) sul referendum sulle trivelle del prossimo 17 aprile, anche oltreoceano le attività di estrazione fanno discutere. A riaprire un dibattito – mai placato in realtà – è un report pubblicato dal servizio geologico statunitense (Us Geological Survey, Usgs) che per la prima volta ha rilasciato una mappa relativa al rischio terremoti sia naturali sia indotti. E i dati parlano di circa 7 milioni di persone che vivono in zone a rischio per terremoti indotti da attività umane. Aree per la maggior parte in cui il rischio sismico è pari a quello naturale della California, uno stato naturalmente altamente sismico.

Continua a leggere su Wired.it

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here