La più antica polvere di stelle è più vecchia della Terra

polvere di stelle

Ha un’età molto più vecchia del nostro pianeta e, addirittura, di tutto il nostro Sistema solare. Si tratta della polvere di stelle più antica mai trovata sul nostro pianeta. A scoprirla è stato un team di ricercatori dell’Università di Chicago che analizzando l’interno un meteorite caduto in Australia circa cinquant’anni fa, ha stimato per questo materiale un’età compresa tra i 5 e i 7 miliardi di anni. Lo studio è stato pubblicato su Pnas.

La polvere di stelle

“Questo è il materiale solido più antico mai ritrovato e ci racconta come si sono formate le stelle nella nostra galassia”, commenta l’autore della ricerca, Philipp Heck. Per scoprirlo, i ricercatori hanno analizzato i cosiddetti grani presolari, minerali formati prima della nascita del Sole presenti in una porzione del meteorite di Murchison, in Australia, caduto nel 1969. Questi frammenti di polvere di stelle, continua l’autore, sono rimasti intrappolati nei meteoriti dove sono rimasti intatti per miliardi di anni, rendendoli vere e proprie capsule del tempo di un periodo precedente alla formazione del Sistema solare.

(Foto: NASA, W. Sparks (STScI), R. Sahai (JPL), Janaína N. Ávila)

Più antica del nostro Sole

Ma i grani presolari sono difficili da trovare: sono molto rari, sono stati scoperti solo in circa il 5% dei meteoriti arrivati sulla Terra, e sono minuscoli. Una volta isolati, i ricercatori hanno cercato di capire da quali tipi di stelle provenivano e quanti anni avevano. “Abbiamo utilizzato i dati sull’età di esposizione, che sostanzialmente misura la loro esposizione ai raggi cosmici, che sono particelle ad alta energia che viaggiano attraverso la nostra galassia e penetrano nella materia solida”, spiega Heck. “Alcuni di questi raggi cosmici interagiscono con la materia e formano nuovi elementi. E più a lungo vengono esposti, più si formano quegli elementi”.

Misurando, quindi, quanti di questi nuovi elementi prodotti dai raggi cosmici sono presenti in un grano presolare si può capire per quanto tempo è stato esposto ai raggi, e dedurne così l’età. Dai qui, i ricercatori hanno scoperto che alcuni dei grani presolari erano i più antichi mai scoperti, con un’età compresa tra 4,6 e 4,9 miliardi di anni e alcuni grani erano ancora più vecchi di 5,5 miliardi di anni. Per renderci conto, il Sole ha 4,6 miliardi di anni e la Terra 4,5 miliardi.

La formazione delle stelle

Poiché i grani presolari si formano quando una stella muore possono raccontarci anche la storia delle stelle. E 7 miliardi di anni fa, ipotizzano i ricercatori, si sarebbe verificato una sorta di baby boom stellare. “Abbiamo scoperto più grani di quanto ci aspettavamo”, spiega Heck. “La nostra ipotesi è che la maggior parte di quei grani, che hanno tra i 4,9 e i 4,6 miliardi di anni, si siano formati in un periodo di intensa formazione di stelle. C’è stato un tempo, prima dell’inizio del Sistema Solare, nel quale si formavano più stelle del normale”.

Alcuni esperti, tuttavia, sostengono che il tasso di formazione stellare della galassia sia costante. “Ma grazie a questi grani, ora abbiamo prove dirette di un periodo di maggiore formazione stellare nella nostra galassia 7 miliardi di anni fa”, conclude Heck. “Questo è uno dei risultati più importanti del nostro studio”.

Riferimenti: Pnas

Credit immagine di copertina: Nasa/Esa