La potenza dell’uragano Harvey? Colpa delle temperature record

Un’analisi statunitense ha dimostrato come le temperature molto elevate delle acque oceaniche abbiamo alimentato continuamente l’uragano Harvey. E visto che i cambiamenti climatici continuano a riscaldare gli oceani, dovremo aspettarci sempre più spesso uragani simili

Wired logo
  • 1
  •  
  •  

Da anni ormai i cambiamenti climatici fanno registrare temperature record nelle acque del Golfo del Messico. E gli effetti iniziano a farsi sempre più concreti. Stando a una nuova ricerca, sarebbero state proprio le temperature raggiunte dalle acque del golfo nel 2017 ad aver scatenato Harvey, l’uragano che lo scorso agosto si è abbattuto sugli Stati Uniti, devastando l’area di Houston, in Texas, e travolgendo poi anche Louisiana e Mississipi. A raccontarlo sulle pagine di Earth’s Future è stata una nuova analisi del National Center for Atmospheric Research (Ncar) degli Stati Uniti.

Continua a leggere su Wired.it

Articoli correlati


  • 1
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *