La materia oscura continua a sfuggirci

materia oscura
(Foto via Pixabay)

La materia oscura si fa ancora più oscura. A dispetto di ipotesi e teorie sulla sua esistenza, infatti, la comunità scientifica ancora non riesce a tratteggiarne le caratteristiche e – soprattutto – trovarne con chiarezza evidenze sperimentali robuste. Anche uno degli esperimenti più recenti, Xenon100, sembra essere appena giunto alle stesse conclusioni: in capo a quattro anni di ricerca, infatti, non ha ancora trovato alcuna traccia di materia oscura, come raccontano i ricercatori della Xenon Collaboration in un lavoro appena pubblicato sul portale ArXiv.

Ripercorriamo brevemente gli ultimi risultati. Nel 1998, gli scienziati dell’esperimento Dama, condotto presso i laboratori nazionali del Gran Sasso dell’Istituto nazionale di fisica nucleare, avevano affermato di aver rilevato la materia oscura sotto forma di una particella massiccia debolmente interagente (Wimp o weakly interacting massive particles) del peso di circa 10 gigaelectronvolts (GeV). Il tasso di eventi rilevati, ovvero le particelle che si scontrano con i nuclei del materiale del rivelatore, sembrava variare con le stagioni, il che faceva pensare che la Terra, orbitando attorno al Sole, potesse attraversare una sorta di vento di materia oscura.

Sebbene il segnale rivelato da questo esperimento fosse piuttosto chiaro, erano necessarie altre prove indipendenti per accertarne l’affidabilità.

Per anni, altri esperimenti – tra cui, per l’appunto, Xenon100, hanno provato a trovare le particelle Wimp senza alcun successo, fin quando, nel 2011, un esperimento chiamato Cogent, progettato specificamente per confutare l’ipotesi di Dama, aveva invece rivelato un accenno di un segnale, mantenendo così vivo il dibattito scientifico.

Ma tutto potrebbe essere cambiato: stando a quanto racconta secondo il team Xenon, gli ultimi quattro anni non hanno evidenziato alcuna prova di una modulazione annuale. Inoltre, l’esperimento Dama aggiornato non ha annunciato alcuna nuova scoperta dal 2013.“Anche solo dopo un anno di raccolta dati, dovremmo cominciare a osservare qualcosa”, ha spiegato Laura Baudis dell’Università di Zurigo, un membro di Xenon100. Perché questa contraddizione con quanto osservato da Dama? Una delle possibili spiegazioni è che Dama utilizza un rilevatore a base di ioduro di sodio, mentre Xenon100 utilizza il gas xenon, ed è possibile che la materia oscura interagisca in modo diverso i due diversi materiali.

Via: Wired.it

Articoli correlati

1 commento

  1. Stringendo,arrivando al dunque …,si potrebbe dire che la forza di gravità sia solo un’unità di misura che rispecchia quantità di energia che sono solo delle proporzioni tra masse di materia aggregata a distanze variabili tra loro,all’interno di uno spazio finito;dopo bisogna vedere se l’unità di misura utilizzata nella misurazione dei vari tipi di energia conosciuta oggi,sia valida per misurare la forza di gravità. Come ignorante in materia,mi sembra di capire che abbia delle fondamenta abbastanza vecchiotte,non vorrei dire delle stupidate ma mi sembra che sia legata al punto di ebollizione di un litro d’acqua.

    A parte questo dettaglio,l’energia viene prodotta e rilevata da interazioni della materia;gli strumenti che la misurano non possono vedere tipi di energia diversi da quelli presenti nella loro struttura.

    Se nella materia ordinaria che conosciamo dovessero esistere delle forme di energia che vanno oltre la superconduttività,queste non dovrebbero essere completamente trasparenti alla nostra vista?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here