E-skin, la pelle artificiale che si autoripara

Sente il calore, la pressione, si rigenera ed è riciclabile: la nuova e-skin potrebbe far fare un salto avanti alle protesi e ai robot di nuova generazione

Wired logo
  • 13
  •  
  •  

L’hanno chiamata un po’ banalmente e-skin, una pelle artificiale, sottile e semi trasparente, in grado di percepire variazioni di temperatura e pressione, e addirittura di autoripararsi. Proprio come la nostra pelle. Ma c’è di più: i ricercatori dell’Università del Colorado Boulder che l’hanno creata sostengono sia anche completamente riciclabile. Sebbene non sia la prima e-skin in circolazione, gli upgrade al prototipo lasciano intravvedere interessanti sviluppi e applicazioni, dalla biomedicina alla robotica.

Continua a leggere su Wired.it

Articoli correlati


  • 13
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *