Amazzonia: disboscamento record nell’ultimo anno

amazzonia
(Credits: Chris Parker/Flickr CC)

Nell’ultimo anno, l’Amazzonia ha perso circa ottomila chilometri quadrati di foresta pluviale, una superficie grande come il Friuli-Venezia Giulia. A renderlo noto sono i dati  diffusi dal Ministero dell’ambiente del Brasile, che mostrano un aumento della deforestazione del 13,7%  da agosto 2017 a luglio 2018. Un record negativo degli ultimi dieci anni per la foresta pluviale più grande del pianeta.  Ma le cose potrebbero anche peggiorare in futuro: Jair Bolsonaro, neo presidente eletto  del Brasile,  in campagna elettorale ha promesso di diminuire le multe per chi danneggia la foresta e di ridimensionare il ruolo dell’agenzia dell’ambiente.  Di questo passo, temono gli ambientalisti, l’Amazzonia  raggiungerà presto un punto di non ritorno.

Amazzonia, una brutta inversione di tendenza

I dati dell’ultimo anno segnano una preoccupante inversione di tendenza degli ultimi 10 anni. Dal 2004,  infatti, anno in cui  l’Amazzonia perse più di 27 mila kmq, le misure prese dal governo brasiliano avevano portato a un notevole calo del fenomeno, con un picco negativo nel 2012, in cui la perdita fu di soli 4600 kmq.  Dal 2013 però il disboscamento ha ricominciato a salire, in seguito al rilascio di concessioni governative. E ora gli ambientalisti pensano che quando Bolsonaro assumerà la carica di presidente, il 1° gennaio 2019, la situazione non potrà che peggiorare. Il neo presidente infatti, ha promesso di ammorbidire le leggi contro la deforestazione, annunciando anche la fusione tra i ministeri dell’agricoltura e dell’ambiente.

Agricoltura e disboscamento

Fra le cause principali del disboscamento dell’Amazzonia c’è l’espansione dell’agricoltura, che minaccia anche altri ambienti naturali del paese, per esempio, nel Nord-est. Gran parte della deforestazione dell’ultimo anno è avvenuta negli stati di Parà, dove la coltivazione è una delle attività principali, e del Mato Grosso, il primo produttore di cereali del Brasile. Secondo il ministro dell’ambiente Edson Duarte, tuttavia, la colpa della deforestazione sarebbe da attribuire al disboscamento illegale, che a sua volta sarebbe conseguenza dell’aumento del crimine organizzato:  “È necessario aumentare gli sforzi contro le infrazioni ambientali e in difesa della foresta. Dobbiamo aumentare la mobilizzazione a tutti i livelli del governo, della società, e del settore produttivo per combattere le attività illecite”, ha dichiarato alla BBC.

Gli esperti temono però che si possa, in un futuro non molto lontano, raggiungere un punto di non ritorno, come racconta Marcio Astrini, coordinatore di Greenpeace in Brasile, secondo quanto riporta il Guardian: “Esiste secondo gli scienziati un limite di disboscamento oltre il quale l’Amazzonia smetterà di essere una foresta, è stimato essere tra il 20 e il 30% e al momento siamo vicini al 20%”. Un altro dato allarmante lo riporta l’Osservatorio del Clima del Brasile, secondo cui il 46% delle emissioni di gas serra del paese nel 2017 sono dovute al cambio della destinazione d’utilizzo del suolo, spesso conseguenza della deforestazione.

Credits immagine di copertina: Chris Parker/Flickr CC

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here