C’è chi dice che non abbiamo mai visto le onde gravitazionali

Fisici danesi hanno rianalizzato i dati che due anni fa rivelarono le onde gravitazionali e hanno concluso che quel segnale potrebbe essere stato solo rumore statistico. Ma a Ligo e Virgo non sono d’accordo

Wired logo
  • 1
  •  
  •  

L’11 febbraio 2016 è stata una data epocale per la fisica. Il giorno della scoperta del secolo, com’è stata definita da più parti. Gli scienziati dell’esperimento aLigo, condotto in simultanea nei due interferometri di Hanford e di Livingstone, hanno confermato che poco meno di cinque mesi prima i loro strumenti avevano avvistato, per la prima volta al mondo, il segnale di un’onda gravitazionale proveniente dalla collisione di due buchi neri. Un risultato sperimentale che confermava le previsioni teoriche della relatività generale di Albert Einsteinformulate oltre un secolo primaavallato successivamente anche dai dati di Virgo, interferometro dello European Gravitational Observatory (Ego) e dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) che si trova a Cascina, nei dintorni di Pisa. Così importante che ha fruttato ai responsabili della scoperta l’assegnazione del premio Nobel per la fisica nel 2017.

Continua a leggere su Wired.it

Articoli correlati


  • 1
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *