Buco nell’ozono: progressi rallentano per emissioni pirata di Cfc in Cina

cfc
(Credit: Nasa)

Se sul fronte del riscaldamento globale c’è ancora molta strada da fare, con i governi che faticano a trovare un accordo sulle emissioni di gas serra. Invece, sul fronte del buco dell’ozono sono già stati compiuti passi importanti: le emissioni di Cfc-11, una tra le principali sostanze che causano un assottigliamento dello strato di ozono, erano in declino costante dalla metà degli anni Novanta. Tuttavia, da qualche anno i Cfc continuano sì a diminuire, ma a un ritmo più lento del previsto. Una ricerca condotta da un team internazionale e appena pubblicata su Nature dimostra che l’aumento nelle concentrazioni di Cfc-11 proviene da alcune province della Cina nord-orientale. La spiegazione sarebbe una nuova produzione non documentata di queste sostante, che sono vietate ufficialmente dal 2010 grazie al Protocollo di Montreal.

Richiudere il buco dell’ozono

L’ozono è un gas tossico per l’essere umano, eppure fondamentale per l’equilibrio del nostro pianeta. Questo gas si forma nella stratosfera e protegge la superficie del pianeta (e quindi tutti noi) dalle componenti della radiazione solare potenzialmente letali per la vita: i raggi Uv-c e il 90% dei raggi Uv-b. Tuttavia, dagli anni Settanta, cioè da quando abbiamo iniziato a studiare l’ozono atmosferico, si è capito che questo strato si stava assottigliando, arrivando a una diminuzione del 71% sopra l’Antartide (il famoso buco). Per questo motivo, nel 1987 è entrato in vigore il Protocollo di Montreal, che ha introdotto regole per la progressiva diminuzione e infine il divieto, nel 2010, sull’uso di alcune sostante ritenute responsabili della diminuzione di ozono. Queste sostanze sono, per la maggior parte, i Cfc, cioè clorofluorocarburi, usati nelle bombolette spray e come agenti refrigeranti nei frigoriferi. Tra queste una, il triclorofluorometano, o Cfc-11, è usata come gonfiante per le schiume impiegate nell’edilizia. Dopo l’entrata in vigore del protocollo, la maggior parte dei paesi industrializzati ha iniziato a impiegare alternative meno dannose rispetto ai Cfc, come gli idrofluorocarburi che non contengono atomi di bromo o cloro, responsabili della distruzione delle molecole di ozono. Le emissioni di Cfc sono scese dal picco di un milione di tonnellate l’anno nel 1988 fino a essere quasi nulle nel 2007.

Nuove preoccupazioni dalla Cina per i Cfc

La diminuzione di Cfc-11 sembrava procedere a ritmo costante fino al 2012, quando per la prima volta è stato notato un rallentamento nel ritmo di diminuzione. Il rallentamento suggerisce che la produzione globale di Cfc-11, invece di diminuire è aumentata, e i dati iniziali suggerivano che la fonte potesse trovarsi da qualche parte in Asia orientale. Tuttavia, senza dati più precisi era impossibile localizzare questa fonte con maggior precisione, almeno fino ad oggi. Una ricerca che vede collaborare scienziati provenienti da Giappone, Stati Uniti, Corea del Sud, Regno Unito, Australia e Svizzera rivela nuovi dati. Gli scienziati hanno collaborato per realizzare modelli e analizzare i dati delle stazioni di monitoraggio atmosferico situate a Gosan, in Corea del Sud, e Hateruma, in Giappone. I risultati mostrano che le emissioni di Cfc-11 provenienti dalla Cina nord-orientale, in particolare dalle province di Shandong ed Hebei, sono più alte di settemila tonnellate all’anno dal 2014 al 2017 rispetto al periodo 2008-2012. Quest’aumento rappresenterebbe tra il 40% e il 60%, di tutte le emissioni di Cfc-11 nel mondo. Gli scienziati non hanno rilevato nessun aumento significativo delle emissioni in nessun altro paese dell’Asia orientale in cui fossero disponibili dei dati.

Produzioni illegali di Cfc-11

I ricercatori affermano che, a causa della scarsità delle stazioni di monitoraggio atmosferico e agli effetti causati dalle correnti, non è stato possibile individuare le fonti di queste emissioni con una precisione maggiore delle province, o dei gruppi di province. Un altro aspetto da chiarire è se queste emissioni siano distribuite su queste regioni in modo uniforme o se vi siano un numero limitato di spot. In ogni caso, gli scienziati escludono che le nuove emissioni cinesi siano causate da azioni sulle fonti di Cfc preesistenti come, ad esempio, la demolizione di edifici (che dovrebbe liberare i gas imprigionati nelle schiume) o lo smaltimento di vecchi frigoriferi. “Sembra più probabile”, scrivono i ricercatori nel loro articolo, “che un aumento della emissioni di questa entità sia causato da nuove produzioni di Cfc-11 mai segnalate al Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente”.

La scarsità dell’attuale rete di monitoraggio non permette di controllare altri paesi (incluso il resto della Cina) che possono aver contribuito all’aumento delle emissioni, rallentando un trend positivo che andava avanti da quasi vent’anni. Nuovi studi serviranno a capire meglio qual è la causa di quest’impennata nella produzione di triclorofluorometano in Cina e qual è la sua reale entità. Fare in modo che gli sforzi di questi anni non vadano persi è particolarmente importante perché le previsioni, se le emissioni di Cfc continueranno a mantenersi ai minimi livelli, sono di recuperare interamente lo strato di ozono entro il 2050.

Riferimenti: Nature

Credits immagine di copertina: Nasa

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here